Lunedì 07 Novembre 2016 - 12:45

Firenze, auto travolge bici e pedoni: grave bimbo di 20 mesi

Anche il guidatore, che forse ha avuto un malore, è stato soccorso

Firenze, auto travolge bici e pedoni in via de'Benci

Grave incidente questa mattina a Firenze, verso le 9. Un'auto, guidata da un uomo di 75 anni, ha prima travolto una bici e poi altre vetture e dei passanti. Il primo scontro, il più grave, è avvenuto in via dei Benci all'incrocio con lungarno delle Grazie, dove l'auto ha travolto un papà in bici con il suo bimbo di 20 mesi. Il piccolo è stato trasportato in codice rosso all'ospedale Mayer. Anche il padre, di 41 anni, è stato trasportato in gravissime condizioni per un forte trauma cranico all'ospedale Careggi. In totale sono cinque i feriti trasportati in ospedale mentre altre persone sono state medicate sul posto.
 

Dopo lo scontro in via dei Benci la corsa è proseguita fino a Santa Croce e l'auto ha travolto un taxi, un'altra vettura e dei passanti. Il guidatore, che forse ha avuto un malore, è stato soccorso e trasportato in codice rosso all'ospedale di Santa Maria Nuova, dove è stata medicata in codice verde anche una donna di 40 anni, travolta mentre camminava. Un pedone di 47 anni, invece, è stato ricoverato in codice giallo all'ospedale Santa Maria Annunziata.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pioggia a Milano

Pioggia no-stop su tutta Italia: il meteo del 18 e 19 febbraio

Le previsioni in Italia a cura dell'Aeronautica militare

Ministério da Agricultura garante que não há riscos para o consumo de carne

Cresce mercato cibo italiano, ma nel piatto è falso 1/4 dei made in Italy

Al via la petizione #stopcibofalso per chiedere al Parlamento Europeo che i consumatori abbiano la possibilità di conoscere da dove arriva il cibo che portano in tavola

Il Presidente della Camera Laura Boldrini visita il carcere di Milano Bollate

Asti, due agenti penitenziari presi a sgabellate. Il Sindacato: "Infiniti gli episodi di violenza"

Il segretario generale dell'Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) ha denunciato l'episodio