Sabato 07 Aprile 2018 - 20:15

Fiorentina mette la sesta all'Olimpico, Roma deludente

Un successo meritato, costruito con cinismo nel primo tempo e difeso maturità nel secondo

Roma - Fiorentina

La Fiorentina continua ad inseguire il sogno Europa League mentre la Roma rischia di vedere svanire quello Champions. All'Olimpico i toscani piazzano la sesta vittoria in fila dopo la tragica morte di Davide Astori. Un successo meritato, costruito con cinismo nel primo tempo e difeso maturità nel secondo. Il tutto impreziosito da una rete gioiello del 'Cholito' Simeone.

La Roma, dal canto suo, si lecca le ferite. Reduce dal ko del Camp Nou, e in vista della 'mission impossible' nel ritorno di martedì, Di Francesco decide di lasciare a riposo diversi titolari. Una scelta che non paga perche i sostituti, da Gonalons a Defrel, deludono le attese. Una battuta d'arresto non banale per i giallorossi nella lotta per tornare ad ascoltare anche nella prossima stagione il jingle della Champions. E domenica il calendario prevede la stracittadina contro la Lazio. Un vero e proprio derby non solo per la superiorità cittadina ma anche per il prestigio, ed i milioni, dell'Europa che conta.

 

La Fiorentina è la squadra pià calda di tutta la Serie A e si vede. La ferocia con la quale i toscani, privi di alcuni elementi chiave come Chiesa e Badelj, si gettano su ogni pallone è evidente tanto quando l'indolenza della Roma. La sonnolenza con la quale i giallorossi approcciano la partita è ancora più evidente al 7'. Punizione alla trequarti dei viola, la palla giunge a Saponara che appoggia verso l'accorrente Benassi. Difesa in bambola e rasoiata all'angolino per il vantaggio toscano. Neanche la doccia fredda sveglia la banda Di Francesco.

A rimetterla in partita ci prova pure Sportiello con un'uscita scriteriata, Dzeko prova a scartare il cioccolatino ma la palla si infrange sul palo esterno. Il bosniaco è l'unico dei romanisti con una 'vis pugnandi' degna di nota. Al 26' il centravanti va via di forza a Laurini e spara verso la porta. Questa volta Sportiello c'è. Tolti i lampi del centravanti i giallorossi proseguono con il loro ritmo compassato che non crea problemi alla squadra di Pioli. La Fiorentina controlla e riparte in maniera letale facendo brillare la stellina Simeone. Al 39' il 'Cholito' riceve palla sulla trequarti si beve la marcatura soft di Manolas ed il tentativo di recupero soltanto abbozzato di Bruno Peres prima di depositare in rete la palla del raddoppio. Alla ripresa delle ostilità Di Francesco getta nella mischa Schick al posto del fantasma di Defrel.

È ancora Dzeko però a rendersi pericoloso dopo soli venti secondi con una girata da due passi. Sportiello compie il miracolo. Dieci minuti dopo il portiere viola, invece, ringrazia Nainggolan. Il belga, liberato al tiro da Schick, gli conclude incredibilmente addosso da ottima posizione. Che non sia giornata per la Roma lo certifica la doppia traversa timbrata a metà ripresa. Prima tocca a Schick su cross di Florenzi. Pochi istanti dopo, è la volta di Fazio su azione d'angolo. È l'ultimo sussulto dei padroni di casa poi la sfida si trascina stancamente verso il triplice fischio finale. Non proprio il viatico ideale verso l'approdo nella Capitale dei marziani Blaugrana mentre la Fiorentina ed i suoi tifosi festeggiano inneggiando a capitan Astori. Nel suo nome i toscani continuano a volare.

Scritto da 
  • Andrea Capello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Liverpool v AS Roma File Photo

Incidenti Liverpool-Roma: tifoso dei Reds aggredito esce dal coma

Buone notizie per il 53enne picchiato da un gruppo di giallorossi prima della semifinale di andata di Champions

FILES-FBL-WC-2018-TEAM-NAINGGOLAN

Nainggolan verso Inter saluta i tifosi della Roma: "Non ci sto bene. Messo davanti a scelte"

Il giocatore belga risponde su Instagram a un supporter giallorosso che non si rassegna

AS Roma, conferenza stampa di Eusebio Di Francesco

Roma, Di Francesco rinnova fino al 2020: "Felice di continuare questa avventura"

Nella sua prima annata da tecnico giallorosso, ha collezionato 51 panchine, con un bilancio di 29 vittorie, 10 pareggi e 12 sconfitte

Assessore all'urbanistica Pierfrancesco Maran all'uscita di Palazzo Marino

Stadio Roma, Maran: "Non sono eroe, questa è e deve essere la normalità"

Anche l'assessore all'Urbanistica del comune di Milano era stato avvicinato dall'imprenditore, che gli aveva offerto un appartamento in cambio del via libera per realizzare il nuovo stadio del Milan