Giovedì 25 Febbraio 2016 - 13:30

Fifa, il principe Ali Bin Al Hussein cerca la rivincita

Il principe giordano, che può contare su grande sostegno internazionale e su un 'tifoso' speciale come Diego Armando Maradona

Il principe Ali Bin Al Hussein

 Nato ad Amman il 23 dicembre 1975, il principe Ali Bin Al Hussein è il terzo figlio del defunto re Hussein di Giordania. Sua madre la regina Alia morì in un incidente di elicottero nel febbraio 1977 quando aveva solo 14 mesi. E' stato l'unico avversario di Sepp Blatter nelle elezioni Fifa del maggio 2015 ma nonostante l'appoggio dell'Europa e di altri paesi è stato battuto nettamente 133 voti contro 73 al primo turno decidendo quindi di abbandonare la contesa. Successivamente il principe giordano è stato privato di un posto nel Comitato esecutivo della Fifa e della vicepresidenza riassegnata dalla Asian Football Confederation all'attuale presidente, Sheikh Salman del Bahrain anche lui in corsa per queste elezioni. In seguito allo scandalo corruzione che ha travolto la Fifa ha deciso di tornare a concorrere per la presidenza.

Il principe Alì ha studiato in Giordania, negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, ricopre il grado di maggiore generale delle forze armate giordane. È diventato presidente della Jordan Football Association nel 1999 e un anno dopo, ha fondato la West Asian Football Federation (WAFF). Si è battuto con successo per revocare il divieto alle giocatrici islamiche di portare il velo nelle competizioni. Nel 2011 è stato eletto vicepresidente della Fifa in rappresentanza dell'Asia, diventando il più giovane membro del Comitato esecutivo all'età di 35 anni. Inoltre è stato eletto vice presidente della Asian Football Confederation. La sorella, la principessa Haya, è stata per due mandati presidentessa della Federazione internazionale di sport equestri e il loro fratellastro, il principe Faisal, è membro del Comitato olimpico internazionale. Sua moglie è una ex giornalista televisiva di origini algerine e hanno due figli.

I punti chiave del suo programma elettorale prevedono l'allargamento della Coppa del Mondo anche se non ha specificato quanti posti in più vorrebbe inserire nelle fasi finali. Il principe Ali ha comunque garantito che nessuna Confederazione verrà privata del numero di posti che attualmente hanno a disposizione. E' favorevole ad un aumento delle sovvenzioni Fifa alle Federazioni membre da 250.000 a fino ad 1 milione di dollari all' anno. Il principe giordano, che può contare su grande sostegno internazionale e su un 'tifoso' speciale come Diego Armando Maradona, vorrebbe capovolgere il sistema a piramide su cui si basa la Fifa dando maggior potere alla base intesa come "le federazioni nazionali, i giocatori, gli allenatori, i dirigenti, i tifosi e gli sponsor".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ranieri scherza: Vardy beve? È solo vino rosso

Ranieri scherza: Vardy beve? E' solo vino rosso

Oltre al vino che si concede la sera prima, l'attaccante il giorno di un incontro prende anche 2 caffè e 3 Red Bull

Chelsea, Conte: Abbiamo dei problemi, non ho la bacchetta magica

Chelsea, Conte: Non ho la bacchetta magica

"Dobbiamo lavorare molto duramente per recuperare"

Wenger: Un giorno potrei allenare la nazionale inglese

Wenger: Un giorno potrei allenare la nazionale inglese

Il tecnico inglese è uno dei principali candidati per sostituire Sam Allardyce

Nizza: Raiola ci sconsigliò di prendere Balotelli

Nizza: Raiola ci sconsigliò di prendere Balotelli

Il presidente del club, Jean-Pierre Rivére, ha svelato il curioso retroscena