Giovedì 01 Settembre 2016 - 16:15

Festival Venezia, a Gabriele Muccino il Soundtrack Award 2016

Alla Mostra anche la coppia Fassbender-Vikander, protagonisti di 'The light between oceans'

Festival Venezia, a Gabriele Muccino il Soundtrack Award 2016

Va a Gabriele Muccino il Premio della critica Soundtrack Stars Award 2016. Lo ha deciso la Giuria che assegnerà, alla fine della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, tra i film in concorso, il riconoscimento dell'anno per la migliore colonna sonora segnalando così il rapporto speciale del cinema di Muccino con la musica.

"E' un link che ha promosso in tutti i suoi film una costante ricerca di nuove sonorità - si legge nella motivazione - sempre in stretta collaborazione con autori particolarmente sensibili all'importanza della musica per il cinema: Paolo Buonvino, Andrea Guerra, poi Lorenzo Jovanotti con cui è evidente, in L'estate addosso, che ha appena debuttato alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, una particolare sintonia, dalla scelta delle collaborazioni artistiche all'effetto sul pubblico, anche attraverso un solo brano già diventato, come spesso accade nel suo cinema, un leitmotiv di successo".

Promosso cinque anni fa come Premio collaterale dedicato alla musica per il cinema è nato da un'idea dell'Agenzia Free Event, molto attiva nel mondo della musica, condiviso dal 2013 da Luce Cinecittà, capofila del sostegno istituzionale di MiBACT- DG Cinema, SIAE, SNGCI e segnala alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia la migliore colonna sonora tra i film della selezione ufficiale. I giurati assegnano tra i film del concorso anche un'eventuale menzione speciale. Come ogni anno, il Soundtrack Stars Award ha anche a disposizione, durante la Mostra, un premio - andato sino ad oggi a grandi musicisti - destinato a un talento speciale che esalti il valore della musica nel cinema.

FASSBENDER E VIKANDER GENITORI IN 'THE LIGHT BETWEEN OCEANS'. Alla Mostra è anche la volta della coppia Fassbender-Vikander, protagonisti di 'The light between oceans'. L'enormità del mare australiano, minaccioso ma anche portatore di nuove sorprese ogni giorno, abbraccia e fa da sfondo al film melò di Derek Cianfrance proiettato ieri. I protagonisti, Alicia Vikander e Michael Fassbender, insieme anche nella vita, vestono i panni di Isabel e Tom, due giovani sposi che vivono il loro amore completamente isolati su un'isola sperduta, dove l'uomo gestisce il faro. Sognano così visceralmente un figlio che, quando trovano un neonato ancora vivo su una barca alla deriva, decidono di occuparsene e crescerlo come loro figlio.

Fino dove può spingersi il desiderio di avere un figlio e realizzarsi come madre e come padre? L'aver salvato una vita è sufficiente per autoassolversi da tutti gli sbagli? E' possibile perdonare quando le scelte di altri ti hanno tolto la cosa più importante della vita? Queste sono solo alcune delle domande a cui invita a pensare il film, drammatico ma che, solo alla fine, si apre a una nuova speranza. Perché, come dice Rachel Weisz proprio in questa pellicola, "Serbare rancore è più faticoso che perdonare: quando sei arrabbiato te ne devi ricordare in ogni momento, quando perdoni lo fai una volta sola".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

'Zoolander 2' in testa come peggior film dell'anno ai Razzie Award

'Zoolander 2' in testa come peggior film dell'anno ai Razzie Award

In lizza anche 'Batman contro Superman' e 'Nonno scatenato'

Morto l'attore Miguel Ferrer: aveva preso parte a RoboCop e Twin Peaks

Morto Miguel Ferrer, attore di RoboCop e Twin Peaks

Aveva 61 anni ed era noto anche per la serie tv NCIS Los Angeles

Marilyn Monroe e la gonna al vento: quel filmato amatoriale riscoperto

Marilyn e la gonna al vento: quel filmato amatoriale riscoperto

Nuove immagini della mitica scena, girata sul set di 'Quando la moglie è in vacanza', sono tornate alla luce dopo 60 anni