Lunedì 02 Maggio 2016 - 15:45

Ferrari, I trimestre con utile a 78 milioni e Marchionne nuovo a.d.

Marchionne sostituirà Amedeo Felisa, che ha deciso di ritirarsi dall'incarico dopo 26 anni

Ferrari, I trimestre con utile a 78 milioni. Marchionne nuovo a.d.

Sergio Marchionne assume il ruolo di amministratore delegato di Ferrari al posto di Amedeo Felisa, che ha deciso di ritirarsi dall'incarico dopo 26 anni di impegno al servizio della società. Secondo quanto riferito in una nota dal Cavallino, Marchionne somma la carica di ceo a quella di presidente, mentre Felisa continuerà a far parte del cda di Ferrari con l'incarico specifico di consigliere tecnico. I cambiamenti hanno effetto immediato.

"Conosco Amedeo da più di un decennio e ho avuto l'opportunità di lavorare a stretto contatto con lui negli ultimi due anni. E' senza alcun dubbio uno dei migliori ingegneri automobilistici nel mondo", ha commentato Marchionne, aggiugendo che "nel corso degli ultimi 26 anni ha lavorato instancabilmente alla guida dello sviluppo tecnico della Ferrari, producendo una serie di autovetture che hanno fissato gli standard sia per prestazione che per stile".

Il cda esprime in una nota "ufficialmente la sua gratitudine ad Amedeo per il suo contributo ed è lieto di poter contare per il futuro sul suo contributo quale consigliere tecnico del top management".

FERRARI CHIUDE I TRIMESTRE CON UTILE NETTO A 78 MILIONI. Intanto Ferrari chiude il miglior primo trimestre di sempre, con consegne totali che hanno raggiunto le 1.882 unità, con un aumento del 15%, ricavi netti cresciuti dell'8,8% (+8,4% a cambi costanti), attestandosi a 675 milioni di euro, Ebit pari a 121 milioni, con un incremento del margine di 250 pbs, utile aumentato del 19%, attestandosi a 78 milioni. L'indebitamento netto industriale cala rispetto alla fine del 2015 a 782 milioni.

La performance delle vendite è stata trainata da una crescita del 21% delle vendite dei modelli a 8 cilindri (V8), favorita dal successo del recente lancio di nuovi modelli: la 488 GTB e la 488 Spider. Le consegne dei modelli a 12 cilindri (V12) sono diminuite del 6%, a causa fine produzione della FF, del completamento del ciclo di vita della F12berlinetta (giunta al suo 5° anno di commercializzazione) e all'esaurimento del lotto del modello LaFerrari, in edizione speciale limitata, in parte compensate dall'introduzione della nuova F12tdf. La crescita su base annua ha interessato tutte le regioni: l'area Emea, le Americhe, la Greater China e il Resto dell'Apac che hanno registrato una crescita del 24%, del 2%, del 16% e del 14%, rispettivamente.

Per quanto riguarda i ricavi netti l'aumento dalla vendita di automobili e ricambi è stato apri a 52 milioni (+12%). Maggiore anche il contributo generato dalle personalizzazioni e di sponsorizzazioni, proventi commerciali e relativi al marchio (9 milioni, +8%), ascrivibili per lo più al miglior posizionamento nelle classifiche del campionato, che è stato in parte compensato dalla diminuzione alla voce Motor7 (Euro 7 milioni, -11%), causata principalmente da minori consegne a Maserati, nonostante maggiori ricavi generati dalla fornitura ad altre scuderie di Formula 1.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, al via al 13mo convegno a Treviso

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche

Federchimica assemblea 2017

Confindustria: "Preoccupati, non è chiaro dove siano risorse per promesse elettorali"

E sull'Europa: "Serve sostegno agli investimenti. No a battaglie inutili su decimali di flessibilità"