Giovedì 17 Marzo 2016 - 10:30

Ferrara, sequestrate villa e case per 13 milioni a 'nullatenente'

I beni risultavano intestatati a prestanome

Ferrara, sequestrate villa e case per 13 milioni a 'nullatenente'

La guardia di finanza di Ferrara ha sequestrato e sottoposto a confisca una villa e un immobile che un ferrarese, già condannato per reati di bancarotta fraudolenta, evasione fiscale, turbata libertà degli incanti, falso in atto pubblico e calunnia, aveva intestato a prestanomi. Il valore dei beni confiscati ammonta a 13 milioni di euro, fra cui un complesso immobiliare di particolare pregio costituito da una villa padronale con parco e piscina e altri tre edifici con decine di appartamenti, nonché abitazioni in pieno centro a Ferrara. Le indagini hanno consentito di accertare operazioni di compravendita e di attivazione di mutui, ottenuti sulla base di false perizie per aumentare il valore degli immobili, effettuate per frodare il fisco e per ottenere liquidità da investire in altri affari. Un ingente giro di denaro e proprietà nonostante l'imprenditore fosse formalmente nullatenente.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato