Martedì 25 Ottobre 2016 - 08:15

Ferrara, barricate contro l'arrivo di 12 donne migranti

Il mezzo che trasportava i profughi è stato dirottato verso altre località

Ferrara, barricate contro arrivo migranti a Gorino

Barricate contro l'arrivo di alcuni migranti in paese. E' successo ieri sera a Gorino, frazione di Goro, in provincia di Ferrara, dove è stato respinto e dirottato un pullman con 12 mamme, ciascuna con i propri figli. Per ore è stata bloccata la strada comunale che porta all'Ostello Bar "Amore e Natura", ai cui titolari - riporta la testata locale 'Estense.com' - la Prefettura aveva notificato nel primo pomeriggio di ieri la requisizione parziale del piano superiore dell’edificio e delle camere. Il provvedimento, come spiegato dalle autorità, aveva "carattere eccezionale e straordinario". 

Il clima nella frazione si è, però, fatto teso: alcune decine di persone hanno costruto barricate con bancali prelevati dal porto di Goro.  Il gestore dell'ostello Filippo Rubin ha dichiarato a 'La Nuova Ferrara' che la struttura era stata contattata una settimana prima e si era detta "non disponibile" a ospitare i profughi, perché "fa lavoro con il turismo".

La mediazione delle forze dell'ordine, sino a tarda notte, è fallita, ed è arrivato così l'annuncio che il pullman che stava portando i migranti aveva fatto marcia indietro. "Le undici mamme, ciascuna con i propri figli, sono state ospitate in strutture di Fiscaglia (4), Ferrara (4) e Comacchio (4)", riporta 'La Nuova Ferrara'.

 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Saronno, tace primario pronto soccorso. Parla medico esposto anonimo

Saronno, tace primario pronto soccorso. Parla medico esposto anonimo

Senza sosta il lavoro degli investigatori che indagano sulle morti sospette all'ospedale del comune lombardo

Meningite

Milano, entro Natale vaccinati per meningite 140 studenti Statale

Sono venuti a contatto con le due studentesse morte

Montagna

Torino, due escursionisti muoiono in Val Susa

Difficili le operazioni di recupero