Giovedì 11 Maggio 2017 - 16:00

Rilasciato l'attivista italiano per i diritti gay fermato a Mosca

Yuri Guaiana era stato fermato mentre consegnava firme contro la persecuzione degli omosessuali in Cecenia

Fermato attivista italiano a Mosca: consegnava firme contro persecuzione gay in Cecenia

L'attivista per i diritti gay Yuri Guaiana, membro del direttivo dell'Associazione Radicale Certi Diritti arrestato questa mattina a Mosca è stato rilasciato. Lo annuncia Bendetto Della Vedova su Twitter.

 

Il 43enne di Cantù è stato arrestato mentre consegnava per conto dell'Ong AllOut le firme di cittadini da tutto il mondo che chiedono giustizia e verità sulle persecuzioni di gay in cecenia. "Siamo in contatto con la Farnesina che sta seguendo la vicenda e gli avvocati sul posto, sappiamo che Yuri sta bene e conosciamo le coordinate della caserma dove è trattenuto. A breve aggiornamenti". Così Leonardo Monaco, segretario dell'Associazione Radicale Certi Diritti.

Yuri Guaianaa aveva dichiarato: "Siamo qui per consegnare più di 2 milioni di firme al procuratore generale. Non è mai avvenuto prima, più della popolazione cecena chiede che si faccia un'inchiesta efficace e che si fermino subito arresti, torture e uccisioni di gay.  I cittadini russi meritano di vivere in libertà e in uno stato di diritto. La russia deve rispettare i trattati internazionali che ha sottoscritto. Nessuno deve sacrificare la propria libertà e la propria vita solo a causa di quello che si è e di chi si ama, né in Cecenia né da nessun'altra parte"
 

LEGGI ANCHE Guaiana: Sono in carcere non abbiamo avuto neanche l'acqua

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

Mafia, due milioni di risarcimento alla famiglia del 13enne ucciso per vendetta

Giuseppe Di Matteo sequestrato e sciolto nell'acido perché il padre era un pentito

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"

Foto diffusa dal profilo Instagram di Kensington Palace - Credit: Matt Porteus

Il principe George compie 5 anni: tanti auguri al royal baby più amato

Pioggia di messaggi affettuosi sui social. E in dono arriva anche una moneta commemorativa