Martedì 14 Febbraio 2017 - 12:15

Femminicidio, Grasso: Parlare di amore è bestemmia, solo egoismo

"Alle vittime deve essere garantita protezione efficace sin dalle prime manifestazioni penalmente rilevanti"

Femminicidio, Grasso: Parlare di amore è bestemmia, solo egoismo

"Nessuna giustificazione e' possibile, soprattutto se ammantata dalla retorica del 'troppo amore'. In queste situazioni parlare di amore e' una bestemmia: non si tratta d'altro che di mero senso del possesso ed egoismo sconfinato". Lo dice il presidente del Senato, Pietro Grasso, intervenendo ad una conferenza stampa su 'Un posto occupato anche in Senato' contro la violenza sulle donne, sottolineando che "alle vittime deve essere garantita protezione efficace sin dalle prime manifestazioni penalmente rilevanti, in modo tale da bloccare sul nascere ogni possibile escalation di violenza. Agire tardi, punire dopo non serve a chi portera' sul volto per tutta la vita lo sfregio dell'acido, non serve a riportare in vita chi non c'e' piu'", aggiunge.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presentazione della lista Potere al Popolo!

Potere al Popolo, Carofalo: "Con noi vera alternativa, anche a M5S"

Parla la leader della formazione nata a Napoli all'ex-Opg Occupato-Je so' pazzo

Milano, convegno 'Il futuro si chiama Stati Uniti d'Europa'

Elezioni, Renzi: "Centrodestra guidato da populisti, voto allontana da Europa"

Il segretario del Pd si rivolge all'elettorato di centrodestra e spiega la visione dei dem sull'Europa

M5S, Grillo e Di Maio smentiscono fratture: "Appello a gruppi per Governo su temi"

I due big fanno chiarezza sul tema alleanze dopo la confusione causata dalle dichiarazioni apparentemente discordanti

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto