Mercoledì 07 Settembre 2016 - 14:15

Fece sgambetto a rifugiati siriani: giornalista accusata di vandalismo

La reporter ungherese rischia fino a cinque anni di carcere

Fece sgambetto a rifugiati siriani: giornalista accusata di vandalismo

Dovrà rispondere di atti di vandalismo Petra Laszló, la giornalista ungherese diventata famosa dopo che, un anno fa, al confine tra Ungheria e Serbia, sferrò dei calci e fece lo sgambetto a due rifugiati siriani, Osama Abdul Mohsen e il figlio Zaid, mentre in fuga dalla polizia tentavano di superare la frontiera. Per questa accusa, la reporter rischia fino a cinque anni di carcere. Nelle accuse formali si indica tuttavia che non è dimostrabile che il movente fosse "l'origine delle vittime o il fatto che si trattasse di migranti". La giornalista, che lavorava per l'emittente televisiva N1 ed era vicina al partito di estrema destra Jobbik, fu licenziata e poi chiese scusa per quanto aveva fatto.

In un'intervista rilasciata un mese dopo l'aggressione, la reporter dichiarò al quotidiano russo Izvestia che non riusciva a trovare un nuovo lavoro e stava pensando di emigrare proprio in Russia per cercare qualcuno che le desse un'altra possibilità. Tuttavia poi non lo fece. Per quanto riguarda le vittime dell'aggressione, padre e figlio si trovano ora in Spagna, a Getafe vicino Madrid, dove l'uomo ha trovato impiego presso la Scuola nazionale degli allenatori di calcio.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Charlie Gard, i genitori: "E' troppo tardi, il trattamento e' inutile

Charlie, l'ultima battaglia dei genitori: Lasciatelo morire a casa

Hanno rinunciato alla possibilità di salvare il figlio dalla malattia incurabile di cui soffre, ma ora genitori di Charlie vogliono portare a casa il bambino

Charlie, Bambin Gesù: Fatto il possibile, ma siamo arrivati tardi

Charlie, Bambin Gesù: Fatto il possibile, ma siamo arrivati tardi

Intanto i genitori continuano a lottare per portare il bimbo a casa e lasciarlo morire nella sua culla

Libia, il generale Haftar caccia i terroristi da Bengasi

Libia, bozza accordo Serraj-Haftar: Cessate il fuoco ed elezioni

L'impegno del premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar a Parigi durante un incontro promosso dal presidente Macron

Donald Trump al  Summit Bechtel National Scout Reserve in West Virginia

Trump pronto al voto contro Obamacare: Tortura americani

Il tycoon battagliero in un tweet: Ho già la penna in mano