Venerdì 16 Giugno 2017 - 19:45

Fca, Marchionne: Mio successore non può essere 'superstar'

"Abbiamo una panchina lunga, la possibilità di dare l'opportunità di competere per il ruolo"

Fca, Marchionne: Mio successore non può essere 'superstar'

Il successore di Sergio Marchionne come a.d. di Fca non può essere una "superstar", ma è "una questione che deve essere discussa in consiglio" di amministrazione. Lo dice lo stesso Marchionne a chi lo interpella in merito, a margine del Workshop annuale di Venezia del Consiglio per le relazioni Italia-Stati Uniti. "Si che è un problema mio, c'ho messo una vita" in Fca, afferma Marchionne sul futuro del gruppo dopo di lui, "sono azionista".

"Non è una vita facile - spiega il manager con il maglioncino -. C'è gente che stiamo analizzando. La mia scelta è farlo internamente (il successore, ndr), perché siamo cresciuti in una certa maniera: questa è un'azienda che è fondamentalmente diversa da quattorddici anni fa, siamo molto più vicini al business model degli altri". Secondo Marchionne, dunque, non si può "mettere sopra questa roba una superstar, gente che non smazza. Noi i dettagli li conosciamo, li vediamo quotidianamente". A chi gli chiede sull'ipotesi di una redistribuzione delle sue deleghe a più manager, Marchionne risponde che "il mio ruolo non è facile, bisognerebbe alleggerirlo in qualche maniera".

A chi gli chiede se il presidente di Fca, John Elkann, gli abbia chiesto di rimanere oltre la primavera del 2019, Marchionne preferisce non rilasciare commenti. "Dovete chiedere a John", dice il top manager. "Abbiamo una panchina lunga, la possibilità di dare l'opportunità di competere per il ruolo", sottolinea ancora il numero uno di Fca.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FILES-GERMANY-AUTOMOBILE-OPEL

Dieselgate, si indaga su Opel in Germania

Non si spegne il caso dei motori truccati per falsare i dati sulle emissioni dei diesel, che ha coinvolto Volkswagen

Melfi, gli stabilimenti FCA

Fca, sindacati: "Sciopero su Ronaldo non ha nulla a che fare con lavoro"

I sindacati Fim, Uilm, Fismic e Ugl, in merito allo sciopero indetto dall'Usb per protestare contro l'acquisto del calciatore da parte della Juventus

Editoria, Montan nuovo amministratore delegato e direttore Athesis

Succede all'Ing. Alessandro Zelger alla guida del Gruppo da 25 anni

Tesla, accordo con Shanghai per Gigafactory da 500mila vetture all'anno

Un progetto che rappresenta il più grande investimento industriale estero nella storia della metropoli