Lunedì 11 Gennaio 2016 - 19:00

Fca, Marchionne: Consolidamento settore auto inevitabile, target al 2018 fattibili

Secondo il manager "arrivare al 2018 non è una distanza enorme", ma sono "tre anni pieni"

Fca, Marchionne: Consolidamento settore auto inevitabile, target al 2018 fattibili

Un consolidamento nel settore auto resta "inevitabile". Così l'a.d. Fca, Sergio Marchionne, nel corso della conferenza stampa al Salone dell'auto di Detroit. "E' un discorso che è inevitabile - ha spiegato Marchionne - nonostante l'obiettivo sia quello di arrivare a questo mondo ideale in cui le auto si guidano da sole, non è che i costi di esecuzione di quel mondo là varieranno".

TARGET FATTIBILI. Gli obiettivi del piano di Fca al 2018 "sono fattibili". Secondo Marchionne "arrivare al 2018 non è una distanza enorme", ma sono "tre anni pieni". I risultati, ha spiegato Marchionne, "sono fattibili, nel senso che io guardo nel passato, dove eravamo tra il 2004 e il 2007, quando abbiamo fatto molta più strada di quanto c'è da fare tra 2016 e 2018".

ALLEANZA GM. "Al momento niente". Così Marchionne, a chi gli chiedeva se ci fossero prospettive di un'eventuale alleanza con General Motors.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Governo annuncia revoca concessioni ad Autostrade: titolo Atlantia a picco

I mercati puniscono la società controllante di Autostrade per l'Italia che fa capo alla famiglia Benetton. La replica: "Provvedimento senza una contestazione specifica"

TURKEY-ECONOMY-CURRENCY

Lira turca in bilico, Erdogan: "Boicotteremo prodotti elettronici Usa"

Dopo la ripresa e il sospiro di sollievo dei mercati, il nuovo annuncio rischia di riaffossare la moneta

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

US-ENGLAND-ART

Tensione sui prezzi a luglio. L'inflazione sale all'1,5%

Un aumento dello 0,2% su base annua. Crescono alcuni bene di consumo. Meno i servizi