Lunedì 09 Gennaio 2017 - 08:15

Fca investe 2 mld in Usa: Slegati da attacchi Trump a settore auto

Il presidente eletto aveva minacciato di dazi General Motors e Ford

Fca investe 2 miliardi in Usa: Scelta non legata ad attacchi Trump a settore auto

Fca Usa ha annunciato 1 miliardo di dollari di investimenti sugli impianti in Michigan e Ohio, e l'aggiunta di 2.000 nuovi posti di lavoro. Fca Stati Uniti dal 2009 ha investito più 9,6 miliardi di dollari sui suoi impianti di produzione degli Stati Uniti e ha creato 25.000 nuovi posti di lavoro. L'annuncio odierno fa parte della seconda fase del piano di industrializzazione annunciato a gennaio 2016. Il piano prevedeva il riallineamento delle operazioni di produzione negli Stati Uniti per utilizzare pienamente la capacità disponibile e per rispondere a uno spostamento della domanda di camion e Suv, espandendo ulteriormente i marchi Jeep e Ram. Saranno riorganizzati e modernizzati l'impianto di  Warren (Michigan) per produrre il nuovo Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer, e quello di Toledo (Ohio) per costruire un pickup Jeep. Questi interventi saranno completati entro il 2020. L'impianto di Warren produrrà anche i camion Ram, attualmente prodotti in Messico. Con questi investimenti "si completa questa fase di trasformazione, che risponde al cambiamento di gusto dei consumatori su camion e Suv, mentre continuiamo a rafforzare gli Stati Uniti come il cuore della produzione globale per questo tipo di veicoli", ha commentato Sergio Marchionne. "Queste mosse, che sono state oggetto di discussione con Dennis Williams e il resto della dirigenza dell'Uaw (principale sindacato di settore, ndr) - prosegue Marchionne - espandono la nostra capacità in questi segmenti chiave, e ci permettono di soddisfare la crescente richiesta negli Stati Uniti, ma ancora più importante, aumentano le esportazioni del segmento mid-size e dei veicoli di grandi dimensioni sui mercati internazionali". "L'espansione della nostra gamma Jeep è stato e continua ad essere il pilastro fondamentale della nostra strategia - conclude Marchionne -, il nostro impegno per internazionalizzare il marchio Jeep è incrollabile, e con queste ultime mosse finalmente avremo la capacità di penetrare con successo mercati diversi da quello degli Stati Uniti, che sono stati storicamente preclusi a causa dei vincoli di capacità produttiva". Le azioni annunciate sono oggetto di negoziazione e approvazione finale degli incentivi da parte di enti statali e locali.

Gli investimento di Fca Usa, stando a una fonte vicina al gruppo, non sono conseguenti ai recenti attacchi da parte di Donald Trump a Ford, Gm e Toyota, finite nel mirino del presidente eletto poiché costruiscono macchine per il mercato degli Stati Uniti in Messico. La società aveva infatti già annunciato i suoi piani per espandere la produzione di camion e Suv nei suoi stabilimenti statunitensi nei mesi scorsi, contestualmente alla cessata produzione delle piccole e medie vetture. I vertici di Fca non hanno avuto contatti con Trump prima di prendere la decisione annunciata, spiega una fonte.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

La testata Automotive News aveva parlato dell'interesse di diversi produttori cinesi per Fiat Chrysler Automobiles

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% annuo

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% su anno

Era dal secondo trimestre del 2011 che il Pil non segnava una crescita così significativa. Genitloni: "Meglio delle pevisioni"

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

Anche dopo le proteste di animalisti e vegani, la Bank of England ha deciso che non modificherà la composizione del polimero 'incriminato'

Torino, disoccupata si dà fuoco

Allarme della Ragioneria: Se salta limite 67 anni pensioni a rischio

Anche la semplice limitazione degli automatismi di accesso alla pensione determinerebbero un indebolimento del sistema pensionistico italiano