Giovedì 14 Gennaio 2016 - 17:15

Fca: Infondata causa concessionario Usa su vendite falsate

"La società ha piena fiducia nella integrità dei suoi processi di business e dei suoi rapporti con la rete"

Fca: Infondata causa concessionario Usa su vendite falsate

 "Sebbene l'atto di citazione non sia ancora stato notificato a Fca Us, la società è convinta del fatto che la causa sia infondata". Lo si legge in una nota inviata da Fiat Chrysler Automobiles, che "ha appreso che un concessionario negli Stati Uniti ha promosso contro Fca Us una causa nella quale sostiene che Fca Us gli avrebbe offerto incentivi finanziari affinché registrasse falsamente le vendite".

Il meccanismo denunciato dal dealer era quello di riportare le vendite al dettaglio in un determinato mese cancellandole in quello successivo. Fca fa notare invece come la denuncia "sia stata promossa dal legale interno del concessionario proprio nel momento in cui Fca Us discuteva con il gruppo del concessionario della necessità che quest'ultimo rispettasse i propri impegni in base a taluni dei contratti di concessione".

"La società ha piena fiducia nella integrità dei suoi processi di business e dei suoi rapporti con la rete e intende difendere vigorosamente il caso", conclude la nota.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Grecia, Fmi avverte: Serve ulteriore taglio del debito

Grecia, Fmi avverte: Serve ulteriore taglio del debito

"Crescita è troppo debole, governo acceleri sulle riforme"

Twitter, voci su possibile vendita: Google tra gli interessati

Twitter vola in borsa dopo voci cessione: Google interessata

La social media company starebbe dialogando con alcuni potenziali acquirenti

Huawei, il mese prossimo al via produzione di smartphone in India

Huawei, il mese prossimo al via produzione di smartphone in India

L'impianto sarà situato nella città meridionale di Chennai

Istat rivede crescita Pil 2015: si passa dal +0,8 al + 0,7%

Istat rivede crescita Pil 2015: si passa dal +0,8 al + 0,7%

Il rapporto deficit/Pil è invece confermato al 2,6%