Giovedì 16 Aprile 2015 - 13:45

Fca conferma target 2015, verso nuove assunzioni in Italia

E' emerso alla prima assemblea in Olanda dove i soci hanno dato via libera al bilancio 2014, che vede un utile netto di 632 milioni di euro

Assemblea degli Azionisti di Fca

Amsterdam (Olanda) - Fiat Chrysler Automobiles conferma i target del 2015 e si prepara a nuove assunzioni in Italia. E' emerso oggi alla prima assemblea di Fca in Olanda, nel lussuoso Sofitel Hotel 'Grand Amsterdam', a due passi dal celebre quartiere a luci rosse della capitale olandese. I soci, in appena un'ora e quaranta minuti, hanno dato il via libera al bilancio 2014, che vede un utile netto di 632 milioni di euro. Un'altra assemblea rispetto a quelle fiume di Fiat Spa, che fino all'anno scorso si tenevano al Lingotto di Torino. I presenti ad Amsterdam erano infatti 17, di cui 6 rappresentanti di Exor e 11 piccoli azionisti. "Oggi è un giorno speciale", ha detto il presidente Fca, John Elkann, aprendo i lavori. "Con Fca tutto è cambiato, per sempre", ha aggiunto Elkann sottolineando che dopo la fusione il gruppo è "globale" e "più grande e più forte". Nel 2014, ha ricordato il presidente di Fca, il gruppo ha consegnato 4,6 milioni di unità, con Jeep che ha registrato un record a oltre 1 milione di vetture. Per l'a.d. Sergio Marchionne i risultati sono stati "forti e in linea con le nostre aspettative".

'2014 ANNO STORICO PER FCA'. Marchionne ha inoltre confermato la guidance del gruppo per quest'anno. Fca punta a consegne tra i 4,8 milioni e 5 milioni di unità, ricavi intorno ai 108 miliardi di euro e un utile netto tra 1 e 1,2 miliardi di euro. Per il manager italo-canadese si parte da un 2014 "storico" per la fusione, e addirittura "straordinario" per il marchio Maserati che ha aumentato le consegne del 137%. Fca si prepara quest'anno a rafforzarsi in Brasile, dove tra due settimane sarà inaugurato il nuovo sito a Pernambuco, e al rilancio dell'Alfa Romeo, marchio per il quale il piano sarà svelato il prossimo 24 giugno ad Arese, dove tuttavia "non sono previste attività produttive" né ora né in futuro, ha sottolineato Marchionne. Il gruppo si prepara comunque a ulteriori assunzioni in Italia. "Ovviamente le annunceremo quando avremo i dettagli", ha detto l'a.d. a margine dell'assemblea.

NO COMMENT SU POSSIBILE ALLEANZA CON GM. Nel primo trimestre le attività europee di Fca sono "in linea con fine 2014", ha detto Marchionne. "E siamo all'inizio - ha aggiunto - di un periodo di riutilizzo degli stabilimenti italiani, che stanno ripartendo un po' alla volta: ripartirà Cassino, ripartirà Mirafiori". In merito alle indiscrezioni di stampa su colloqui con General Motors in vista di un'alleanza, Marchionne ha eluso le domande dei giornalisti. "Non ho niente da annunciare, non ho la minima idea", ha spiegato sottolineando che colloqui sono in corso di continuo con i concorrenti e su moltissime questioni. A chi gli chiedeva se la Ferrari post-Ipo potrebbe tenere l'assemblea in Olanda, a seguito di un cambio di sede, il manager italo-canadese ha dichiarato che in merito non è stata presa alcuna decisione. Marchionne ha aggiunto che "per il momento" non ci sono piani per quotare in Borsa altri marchi oltre al Cavallino.

Scritto da 
  • Dal nostro inviato Lorenzo Allegrini
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Telecom Italia logo is seen at the headquarters in Milan

Tim, Governo esercita Golden Power e chiede di entrare in CdA

Un comitato tecnico all'interno del Governo ha svolto un'istruttoria sul caso, individuando elementi strategici per la sicurezza nazionale

Aeroporto di Torino Caselle

Alitalia, arrivate 7 offerte: Lufthansa e Easyjet si fanno avanti

Nessuna delle due compagnie vuole acquisire per intero la ex compagnia di bandiera

Anci 2017 - Assemblea annuale a Vicenza

Legge di bilancio, Gentiloni: No lacrime e sangue. Padoan: Priorità lavoro giovani

Approvata oggi la legge di bilancio. Gentiloni: "È una manovra snella e utile per la nostra economia"

Sharart, quando la sharing economy incontra l'arte

Sharart, quando la sharing economy incontra l'arte

Come circondarsi di sculture e fotografie e quadri personalizzati senza doverli necessariamente acquistare