Mercoledì 03 Agosto 2016 - 16:45

Familiari pakistano espulso: Con Isis non c'entra, ora rischia la vita

"Se fosse un terrorista, l'avrebbero lasciato prendere un aereo da solo?", si chiede il fratello

Abu Bakr al-Baghdadi, leader dell'Isis

Le telecamere di Fanpage.it si sono recate a casa di Aftab Farooq, il pachistano di 26 anni espulso ieri dall'Italia su ordine del ministro dell'Interno per motivi di sicurezza. La realtà raccontata dai familiari dell'uomo tuttavia è molto diversa da quella di un affiliato dell'Isis. Aftab viveva in Italia da quando aveva 13 anni. A Vaprio d'Adda, a pochi chilometri da Milano, era cresciuto e aveva fatto le scuole prima di essere assunto a tempo indeterminato alla Decathlon di Basiano come magazziniere. "Avevamo una vita felice, normale - racconta la moglie Munaza Tariq - avevamo intenzione di fare dei figli, quest'estate volevamo andare a fare un viaggio al mare".

Venerdì scorso la vita di questa famiglia è stata stravolta: dopo essere stato fermato dai carabinieri, Aftab è stato infatti rimpatriato in Pakistan. "Se fosse un terrorista, come dicono, l'avrebbero lasciato prendere un aereo da solo?", si chiede il fratello di Aftab intervistato da Fanpage.it. "Noi ora temiamo per la sua vita - racconta, nell'intervista, la moglie di Aftab - in Pakistan non conosce nessuno, non ha un posto dove andare, con l'accusa che ha, lì è probabile che venga preso dalle forze speciali e chissà che fine farà".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Caserta, sei stanze della Reggia sequestrate dopo crollo intonaco

Domenica scorsa crollata una parte dell'intonaco del soffitto settecentesco, senza causare feriti

Ryanair strike

Trasporti, venerdì nero per gli aerei. Dopo Ryanair scioperi a catena

Possibili disagi per i passeggeri. Protestano le principali compagnie: da Vueling ad Alitalia

Processo omicidio Piscaglia, in aula il presunto assassino Padre Graziano

Caso Guerrina, condannato padre Gratien ma pena ridotta

In primo grado, il 24 ottobre del 2016, la Corte d'assise di Arezzo lo aveva condannato a 27 anni di reclusione. Il sacerdote: "Giustizia razzista"

FILE PHOTO: The headquarters of the European Medicines Agency (EMA), is seen in London

Ema, Lorenzin: "Se Amsterdam in ritardo verificare se assegnazione ancora valida"

Il ministro della Saluta riporta alcune indiscrezioni da Londra e Bruxelles