Martedì 01 Marzo 2016 - 17:45

Facebook, arrestato n.2 in Sudamerica: non rivela dati

Il vicepresidente Diego Dzodan arrestato in Brasile: un'ordinanza del tribunale lo obbligava a rompere il blocco di alcuni messaggi sotto indagine

Facebook, arrestato n.2 in Sudamerica

 Il vicepresidente di Facebook in Sudamerica, l'argentino Diego Dzodan, è stato arrestato oggi a San Paolo con l'accusa di aver violato ripetutamente un'ordinanza del tribunale. Lo ha annunciato la polizia federale che ha arrestato Dzodan nella capitale brasiliana a seguito di un mandato d'arresto preventivo spiccato dallo stato di Sergipe, nel nord del Paese. Il giudice, Marcel Maia Montalvão, nella sua sentenza ha considerato che l'uomo non ha rispettato l'ordinanza del tribunale che obbligava la società a rompere il blocco di alcuni messaggi sotto indagine, scambiati attraverso WhatsApp, compagnia posseduta da Facebook.

Non è la prima volta che Palo Alto entra in conflitto con le autorità brasiliane. Il 1° dicembre scorso un giudice aveva bloccato temporaneamente il servizio di messaggistica Whatsapp, posseduto da Facebook, per non aver rispettato per due volte la richiesta di accesso ai dati di alcuni utenti che, secondo quanto aveva riportato la stampa, erano coinvolti in un cartello criminale.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Giappone, Shinzo Abe verso la riconferma

Giappone, Abe vince elezioni anticipate nel giorno del tifone Lan

Maggioranza assoluta alla coalizione del governo secondo gli exit poll

Catalogna, Puigdemont: "Il peggior attacco dalla dittatura di Franco"

Dura la reazione del governatore dopo il commissariamento della regione

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Avanza il partito xenofobo Spd che vuole uscire dall'Ue, crollano i socialdemocratici del Cssd

Barcellona, in migliaia manifestano contro il governo

Catalogna, Rajoy destituisce Puigdemont. In 450mila scendono in piazza a Barcellona

Il governo di Madrid applica l'articolo 155 della Costituzione: ora la palla passa al Senato