Giovedì 21 Gennaio 2016 - 18:45

F1, Vettel: Un buon pilota deve essere veloce e disciplinato

Per il pilota della Ferrari gli elementi essenziali di un grande circuito sono "semplicemente la storia, perché tutti i tracciati vecchi hanno un po' di magia"

Sebastian Vettel

"Passione, velocità, talento e disciplina". Sono queste le caratteristiche di un buon pilota di Formula Uno per Sebastian Vettel. "La velocità aiuta molto - ha dichiarato il tedesco in un'intervista rilasciata al sito ufficiale di Formula Uno - E ovviamente il talento, se coesiste con la velocità. Passione. Gomiti e intelligenza. Cosa è essenziale per rilassarsi dopo una gara? Stare a casa con la mia famiglia". Per il pilota della Ferrari gli elementi essenziali di un grande circuito sono "semplicemente la storia, perché tutti i tracciati vecchi hanno un po' di magia - ha evidenziato - Basta prendere Spa o Monza". Le qualità fondamentali di un buon compagno di squadra per Vettel sono "il rispetto e l'onestà".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

F1, Gp Usa 2017: il sabato ad Austin

F1, Gp degli Usa, trionfa Hamilton su Vettel e Raikkonen

Ad Austin (Texas), l'inglese vince la gara e dà alla Mercedes il titolo costruttori. Terzo uno straordinario Verstappen (partito 16esimo) che viene penalizzato per un taglio di curva e deve lasciare il posto sul podio a Raikkonen. Ora Hamilton ha 66 punti di vantaggio in classifica

Motomondiale Aragon, il sabato in pista

MotoGp, Australia: Marquez vince e ipoteca Mondiale, Rossi secondo

Solo tredicesimo Andrea Dovizioso, su Ducati, scivolato ora a -33 punti da Marquez nella classifica generale

F1, Gp Usa 2017: il sabato ad Austin

Gp Austin, Hamilton in pole davanti a Vettel, terzo Bottas

Il leader del Mondiale ha girato in 1'33"108, nuovo record della pista

ITA, MotoGP, Tribul Mastercard GP S.Marino e Riviera di Rimini

MotoGp Australia: Marquez e Dovizioso dietro l'Aprilia nelle libere

Mai nella storia della MotoGP una moto di Noale era arrivata così in alto