Mercoledì 04 Maggio 2016 - 18:00

F1, Mercedes: Favoriamo Rosberg? No, lavoriamo per la squadra

In una lettera aperta ai tifosi ha assicurato che non sta deliberatamente 'sabotando' la monoposto di Lewis Hamilton

F1, Mercedes: Favoriamo Rosberg? No, lavoriamo per la squadra

In una lettera aperta ai tifosi, la Mercedes ha assicurato che non sta deliberatamente 'sabotando' la monoposto di Lewis Hamilton. La difesa del titolo di Formula 1 da parte del pilota inglese è partita tra molte difficoltà per una serie di problemi meccanici: il più recente in Russia, dove ha accusato problemi al motore sia in qualifica che in gara. Al contrario, il suo compagno di squadra Nico Rosberg ha ottenuto quattro vittorie relativamente senza problemi accumulando un vantaggio di 43 punti in classifica.

 

Gli scettici, in gran parte sui social media, sostengono che la Mercedes, azienda tedesca, stia favorendo il percorso del tedesco Rosberg per il titolo. Dopo il Gran Premio di Sochi, il team principal Toto Wolff ha affermato che le teorie sono state fatte da un "gruppo di pazzi nei loro letti con i loro computer portatili". E in una lettera aperta diffusa oggi la Mercedes, trionfatrice di 36 delle ultime 42 gare, si è sentita in dovere ancora una volta di respingere le accuse di eventuali favoritismi all'interno del team. "Per chi guarda a casa - si legge - un weekend di gara inizia la mattina di giovedi e termina nella notte di domenica. Un brutto risultato potrebbe far male per un paio di ore. Ma poi la vita va avanti. Per più di 1.000 persone a Brackley e Brixworth, tuttavia, questa è la nostra vita".

 

"Questi uomini e queste donne versano il loro sangue, il loro sudore e le loro lacrime, giorno dopo giorno. Spesso lavorando tutto il giorno e spendendo i weekend lontani dai propri cari. Lo fanno attraverso la passione per il loro lavoro, la fedeltà ai loro compagni di squadra e il desiderio di essere i migliori". "Abbiamo i migliori ragazzi e ragazze in tutto il mondo, fanno un ottimo lavoro, settimana dopo settimana, e lo fanno per la squadra, non per un pilota o per l'altro. Non c'è una squadra 'A' o una squadra 'B'", prosegue la lettera. "Attraverso tutto questo, restiamo uniti come una squadra - proprio come abbiamo sempre fatto. A tutti quelli che sono con noi, grazie. Quanto a nemici, scettici, cospiratori... Se saremo in grado di convincere anche la metà di voi di ciò che realmente rappresentiamo, la considereremo una battaglia vinta".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lewis Hamilton File Photo

Hamilton: "F1 per un pilota è il top, ma punto a nuove sfide"

Il neocampione del mondo potrebbe abbandonare le corse

F1, Marchionne: "Ritorno Alfa storico. Addio Ferrari? La minaccia è seria"

L'ad di Fca presenta al museo dell'Alfa di Arese il team Alfa Romeo Sauber e scherza: "Per chi tifo? Per ora per il Cavallino"

Alfa Romeo torna in Formula 1. Marchionne: "Nuovo capitolo di una storia leggendaria"

Ufficiale l'accordo con Sauber. La svolta dopo oltre 30 anni di assenza

Formula One - F1 - Abu Dhabi Grand Prix

F1, Gp di Abu Dhabi: vince Bottas davanti a Hamilton e Vettel

L'ultimo appuntamento del Mondiale di Formula 1