Lunedì 17 Ottobre 2016 - 21:30

Evasione fisco Apple: pm chiede patteggiamento e due archiviazioni

Tre manager erano stati indagati per il mancato pagamento di 879 milioni di Ires

Evasione fisco Apple, pm chiede patteggiamento e due archiviazioni

La Procura di Milano ha presentato due richieste di archiviazione e una richiesta di patteggiamento al gip per i tre manager di Apple indagati per una presunta evasione fiscale per il mancato pagamento di 879 milioni di Ires da parte del gruppo di Cupertino. Il pm di Milano Adriano Scudieri, titolare del fascicolo, nel marzo dello scorso anno aveva chiuso le indagini a carico di Enzo Biagini, legale rappresentante e ad di Apple Italia, di Mauro Cardaio, direttore finanziario, e del manager della società irlandese Apple Sales International Michael Thomas O'Sullivan. I tre erano accusati di omessa dichiarazione dei redditi. A fine dicembre 2015 il colosso di Cupertino aveva versato 318 milioni di euro all'Agenzia delle entrate per sanare gli accertamenti tributari per gli anni tra il 2008 e il 2013. E adesso la Procura ha chiesto al gip di accogliere il patteggiamento per uno degli indagati, tutti difesi dallo studio dell'ex ministro Paola Severino. C'è massimo riserbo, però, sul nome del dirigente per il quale è stato raggiunto l'accordo tra la Procura di Milano e i legali. Per gli altri due manager, invece, è stato chiesto il patteggiamento.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, indagine su turista canadese violentata da falso autista

Milano, turista canadese violentata da un falso autista

Doveva accompagnarla alla stazione degli autobus di Lampugnano invece l'ha portata nella periferia di Crescenzago e l'ha stuprata

Camera dei Deputati. Voto finale sul DL Vaccini

Lombardia, finora 717 bambini risultano non vaccinati

I dati forniti dalla Regione che, adesso, dovrà avviare il percorso di recupero con le famiglie

Cosenza, caporalato a danno di rifugiati: pagati in base a colore pelle

Gli ospiti del centro accoglienza portati a lavorare nei campi per 10 euro in meno rispetto ai "colleghi" bianchi