Lunedì 27 Giugno 2016 - 20:00

Euro2016, super Italia: Chiellini e Pellè matano la Spagna

Vittoria degli azzurri di Conte a Saint Denis: ora ci aspetta i tedeschi il prossimo sabato 2 luglio a Bordeaux

Euro2016, Pellè e Chiellini 'matano' la Spagna: l'Italia avanza ai quarti

Il cielo è azzurro sopra Parigi, con una prestazione memorabile l'Italia supera 2-0 la Spagna allo Stade de France e si qualifica per i quarti di finale di Euro 2016. Il prossimo 2 luglio a Bordeaux, gli Azzurri affronteranno la Germania in un'altra sfida dal sapore epico. I gol di Chiellini nel primo tempo e Pellè (per entrambi settimo centro in Nazionale) nella ripresa 'vendicano' le ultime tre sconfitte contro le Furie Rosse e in particolare il 4-0 di quattro anni fa nella finale di Euro 2012 a Kiev. Una vittoria chiara, limpida, frutto di una prestazione ai limiti della perfezione e che ha un artefice su tutti: Antonio Conte. E' oggettivamente lui la superstar indiscussa di questa Italia. E la dimostrazione è come i suoi ragazzi lo hanno abbracciato ad ogni gol e soprattutto al triplice fischio finale dell'arbitro Cakir quando il ct è stato letteralmente travolto dalla gioia irrefrenabile di tutto il gruppo. Ora la Germania, un'altra sfida che sulla carta si prospetta durissima e che ci vede sfavoriti. Ma per questa Italia ormai non c'è nulla di impossibile. "Non vogliamo tornare a casa" aveva detto ieri Conte ed è stato di parola.

Confermata la formazione azzurra con il modulo 3-5-2 con Buffon in porta e la BBC a protezione. A metà campo De Rossi mediano davanti alla difesa con Parolo e Giaccherini ai lati. Florenzi esterno destro al posto dell'infortunato Candreva e De Sciglio a sinistra sinistra. In attacco Eder-Pellè. Nella Spagna Del Bosque alla fine non cambia e schiera la stessa formazione delle precedenti tre partita con il 4-3-3; Juanfran confermato esterno destro, Iniesta a centrocampo con Fabregas e Busquets, tridente Silva, Morata, Nolito in attacco. Arbitra il turco Cakir. In tribuna anche Manuel Valls, primo ministro francese di origine spagnola.

Primo tempo iniziato sotto la pioggia e terminato con un pallido sole. E' grande Italia. Gli Azzurri partono bene aggredendo la Spagna e portando il pressing quasi fino al limite dell'area di rigore iberica. I ragazzi di Conte spaventano subito De Gea con un paio di incursioni in area di rigore. Il portiere della Spagna all'8' deve già superarsi su un colpo di testa di Pellè, imbeccato da Florenzi, deviando la palla in angolo. Italia ancora vicinissima al vantaggio pochi minuti dopo, quando su una torre di testa di Parolo, Giaccherini si produce un una rovesciata in area che viene respinta dal palo. Azzurri sfortunati, ma l'arbitro Cakir ferma il gioco per una irregolarità. La Spagna dopo la sbandata iniziale prova a prendere le misure con il suo possesso palla. E' però ancora l'Italia a rendersi pericolosa al 24': cross dalla sinistra di De Sciglio e colpo di testa di Parolo a lato. Al 27' ci prova la Spagna con Iniesta, tiro dai 20 metri centrale per Buffon. Sull'azione successiva azzurri pericolisissimi: sempre De Sciglio sfonda a sinistra, cross basso con Sergio Ramos che nel tentativo di anticipare Pellè sfiora l'autogol. Il gol è nell'aria e arriva meritato al 32': su una punizione dal limite di Eder (fallo di Ramos su Pellè) forte e centrale, De Gea respinge sui piedi di Giaccherini che con un tocco delizioso serve Chiellini per l'1-0. Esplode lo Stade de France di parte italiana, esulta tutta la panchina italiana a partire da un Conte spiritato. Prima dell'intervallo Italia vicina anche al raddoppio con Giaccherini, sul cui destro a giro in area De Gea compie un altro intervento prodigioso.

Secondo tempo di sofferenza come d'altronde doveva essere. Nell'intervallo Del Bosque toglie il deludente Nolito e inserisce Aduriz al fianco di Morata. Ma è ancora l'Italia a sfiorare il raddoppio in avvio con una azione di Florenzi sulla destra, cross basso per Pellè in mezzo salvato in angolo da Piquè. Spagna che prova a reagire con un paio di mischie su calci piazzati. Dopo meno di dieci minuti Conte è costretto a togliere De Rossi, non al meglio, al suo posto dentro Thiago Motta. L'intensità degli Azzurri non cala e anzi su un micidiale contropiede innescato da un tocco di Pellè, Eder si presenta tutto solo davanti a De Gea che compie l'ennesimo miracolo per tenere in partita la Spagna. E' un'Italia a tratti travolgente, come al 60' quando De Sciglio da sinistra serve al centro Giaccherini anticipato in uscita da De Gea. Gli iberici provano a reagire con il neoentrato Aduriz pericoloso in almeno tre occasioni, con un tentativo di Morata di sorprendere Buffon fuori dai pali e con un colpo di testa di Ramos alto. Del Bosque toglie il deludente Morata per Lucas Vazquez. Con il passare dei minuti gli Azzurri iniziano ad accusare la stanchezza, Spagna che inizia a premere e Buffon è costretto a dire di no due volte alle conclusioni dal limite di Iniesta e del neoentrato Vazquez. Conte toglie uno sfinito Eder e si gioca la carta Insigne, poi tocca a Darmian per Florenzi. Del Bosque è invece costretto a richiamare Aduriz infortunato inserendo Pedro. Appena entrato Insigne subito pericoloso: salta da fermo Ramos e dai venti metri impegna De Gea. Il finale è sofferenza pura, con la Spagna che si riversa in avanti e gli Azzurri arroccati dietro. Al 90' Buffon compie un miracolo su Piqué in mischia, sul capovolgimento di fronte Insigne vede l'inserimento di Damian sulla destra assist in mezzo per Pellè che questa volta da due passi non può sbagliare: 2-0 e si va a Bordeaux.

Scritto da 
  • dal nostro inviato Antonio Martelli
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milan vs Hellas Verona - Coppa Italia 2017/2018

Calcio, Milan fra caso Donnarumma e sentenza Uefa. Tifosi contro Raiola

l giovane portiere campano contestato dai supporters. Il club fa quadrato intorno al suo numero 1

Sturaro e la lite su Instagram con un dodicenne: "Ritardato"

Bufera sul calciatore della Juve dopo una lite dai toni molto accesi con un piccolo tifoso napoletano

Champions. Real Madrid V Borussia Dortmund

Pallone d'Oro: 5° trionfo per Ronaldo, raggiunto Messi

Il campione portoghese è stato premiato a Parigi. "Lavoro ogni anno per questo obiettivo"

Londra, presentazione logo e programma Europei 2020

Europei 2020, si giocherà a Roma la partita inaugurale

L'annuncio Uefa accolto con entusiasmo da Lotti e Raggi: "Una splendida notizia"