Mercoledì 21 Giugno 2017 - 20:30

EuroU21, Repubblica Ceca piega Italia 3-1: semifinale lontana

Dopo la vittoria dell'esordio contro la Danimarca doccia fredda per gli azzurrini di Gigi Di Biagio

Euro U21, Rep. Ceca piega Italia 3-1: semifinale lontana

Dopo la vittoria dell'esordio contro la Danimarca doccia fredda per l'Under 21 di Gigi Di Biagio agli Europei di categoria. Gli azzurrini perdono 3-1 infatti contro la Repubblica Ceca nella seconda gara del Gruppo C e vedono complicarsi terribilmente il cammino verso la semifinale. L'Italia dovrà ora per forza di cose battere la Germania nell'ultima partita e sperare in altri risultati favorevoli per centrare la qualificazione.

Rispetto alla partita d'esordio Di Biagio cambia qualcosa inserendo a centrocampo Grassi e Cataldi al posto di Benassi e Gagliardini. In difesa Ferrari e Calabria rimpiazzano rispettivamente Caldara e Barreca. Confermato invece il tridente offensivo composto da Bernardeschi, Petagna e Berardi. L'approccio degli azzurri non è dei migliori ma all'11' l'Italia sfiora comunque il vantaggio con Bernardeschi che si divora l'1-0 sbagliando un rigore in movimento. La Repubblica Ceca, costretta a vincere per restare in corsa, è assolutamente in partita e al 20' risponde con una conclusione di Hasek alta sopra la traversa. Al 24' gli azzurrini vanno sotto: Rugani scivola e favorisce Travnik che dal limite dell'area fa partire un rasoterra che beffa Donnarumma e finisce in rete. Berardi prova a scuotere i suoi con una punizione di poco a lato, ma dall'altra parte si fa vedere anche la 'stellina' della Sampdoria - ma in odore di Juventus - Schick che semina il panico in area e obbliga Donnarumma a un intevento in due tempi. L'Italia va a fiammate ma è troppo sprecona sotto porta. Al 33' Petagna vanifica un buon contropiede, al 39' invece è Zima a salvare la Repubblica Ceca sulla botta da fuori di Bernardeschi.

Il duello tra i due si rinnova anche nella ripresa, con l'estremo difensore ceco ancora una volta sugli scudi sul tiro all'11' dell'attaccante della Fiorentina. Rispetto ai primi 45' l'Italia è più pimpante e, dopo un altro tentativo su palla inattiva di Berardi murato da Zima, al 25' la stella del Sassuolo trova il pareggio di testa da due passi dopo un primo tiro respinto di piede dal portiere. Sulle ali dell'entusiasmo per il vantaggio gli azzurrini si sbilanciano, sfiorano il 2-1 prima grazie a Chiesa, il cui suggerimento non viene raccolto da Petagna, e poi con lo stesso centravanti dell'Atalanta, che in contropiede sbaglia il colpo sotto mandando alto sopra la traversa. Un errore che col senno di poi costa carissimo all'undici di Di Biagio, che al 34' viene di nuovo trafitto a freddo. Chory gode di troppo spazio in area e rifinisce per Havlik, che arriva in corsa e con una conclusione angolata firma il 2-1. Cinque minuti dopo la disfatta è completa. Luftner pesca il jolly dalla distanza e con un bolide segna il 3-1 che chiude la partita. La Repubblica Ceca torna in corsa per la qualificazione, all'Italia ora serve un'impresa per non rimediare un'altra figuraccia dopo quella di due anni fa.
 

Scritto da 
  • Alberto Zanello
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

AS Roma: sessione di allenamento

Best Fifa Player, i migliori giocatori del 2017 secondo Totti

Le scelte di Francesco Totti dei più bravi dell'anno

Ligue 1 - Nice vs AS Monaco

Balotelli punzecchia Milan: "Magari si sveglia e compra Icardi"

L'ex attaccante rossonero dai social lancia una frecciatina al club

Una maxi villa a Porto Cervo: così il patron del Psg avrebbe corrotto la Fifa

Una maxi villa a Porto Cervo: così il presidente del Psg avrebbe corrotto la Fifa / VIDEO

La residenza di lusso è stata sequestrata oggi dalla guardia di finanza di Sassari nell'ambito dell'inchiesta sulla compravendita dei diritti televisivi relativi ai Mondiali

Adriano Leite Ribeiro

Adriano: "Torno ad allenarmi. La famiglia? Unico punto fermo"

L'Imperatore ha intenzione di riprovarci: "Voglio farlo per me, voglio mostrare che posso superare i miei limiti. Solo così capirò se posso giocare o meno"