Venerdì 07 Ottobre 2016 - 10:30

Esselunga, testamento Caprotti: Mai azienda in mano alle coop

Il patron del colosso della distribuzione indica un futuro all'estero, magari con gli olandesi di Ahold

Esselunga, il testamento di Caprotti: Mai l'azienda in mano alle coop

Mai la vendita di Esselunga alle coop, meglio un futuro all'estero. Queste le volontà del patron del colosso della distribuzione, Bernardo Caprotti, scomparso il 30 settembre all'età di 90 anni. L'imprenditore puntava all'olandese Ahold, mentre ha lasciato indacata la propria contrarietà a un accordo coi rivali spagnoli di Mercadona. E soprattutto il no a un passaggio alle coop. A decidere i destini dell'azienda saranno in primis la moglie Giuliana e la figlia Marina, a cui Caprotti ha lasciato quasi il 70% delle quote, mentre ai figli di primo letto Violetta e Giuseppe va il 30% restante, in parti uguali. “Dopo anni di battaglie legali e di pubbliche maldicenze da parte di Violetta e Giuseppe – ha lasciato scritto il patron di Esselunga -, destino le partecipazioni nelle due aziende che ho creato e che mi appartengono in modo da dare tranquillità e continuità alle imprese”. Oltre all'azienda, tra le proprietà del magnate ci sono anche beni di enorme valore, come opere d'arte, tra cui un Manet donato al Louvre. E poi denaro, che Caprotti ha lasciato in eredità ai figli.

LEGGI ANCHE 'Esselunga, Caprotti lascia il controllo a moglie e figlia'

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FCA, Conferenza stampa Sergio Marchionne e John Elkann a Balocco

Fca, la triste lettera di John Elkann ai dipendenti: "Marchionne non tornerà più"

Il presidente ha inviato la missiva "più difficile che io abbia mai scritto. Sergio è stato il miglior amministratore delegato che si potesse desiderare"

Salone dell'automobile di Ginevra -  Presentazione nuova Jeep

Chi è Mike Manley, l'uomo del successo di Jeep guiderà Fca

Il manager inglese è il nuovo amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles al posto di Marchionne

Formula 1 GP Monza - sabato pre gara: Marchionne ai box

F1, Ferrari di Marchionne: da arrivo Vettel a lotta con Liberty

In carica dal 2014 ora l'addio alla presidenza alla vigilia del Gran Premio di Germania

Dall'Eni alla presidenza del Milan: chi è Paolo Scaroni

Non solo aziende di Stato: grande tifoso rossonero, è di lunga data anche il suo legame con il mondo del calcio