Mercoledì 05 Ottobre 2016 - 19:15

Esselunga, Caprotti lascia il controllo a moglie e figlia

La lettura del testamento a sfavore dei figli di prime nozze. Marchetti presidente Cda

Esselunga, Caprotti lascia controllo a moglie e figlia. Marchetti presidente Cda

Il patron di Esselunga Bernardo Caprotti, morto venerdì 30 settembre all'età di 90 anni, ha lasciato le quote di maggioranza alla moglie Giuliana e alla figlia Marina. Queste le ultime volontà emerse dalla lettura del testamento. Le quote rimanenti vanno invece ai figli di primo letto. Il Consiglio di amministrazione di Supermarkets Italiani, la società che controlla Esselunga, si è riunito oggi a Milano per ricordare la figura del presidente. Tutti i consiglieri hanno espresso gratitudine e hanno reso omaggio alla figura del fondatore "per la straordinaria storia imprenditoriale di cui è stato protagonista e che ha consentito a Esselunga di diventare leader riconosciuto a livello internazionale nel settore della grande distribuzione". Il board ha deciso di fermare le operazioni di vendita e ha deliberato di cooptare, in sostituzione dello scomparso Caprotti, il professor Piergaetano Marchetti, che è stato nominato presidente.

LEGGI ANCHE 'Addio a Bernardo Caprotti, patron di Esselunga'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Alitalia

Alitalia, raggiunta intesa sul contratto

Sindacati: Ribadita validità ccnl. Calenda: Importante passo in avanti

Passo indietro di Intesa Sanpaolo: rinuncia a scalata Generali

Passo indietro Intesa Sanpaolo: rinuncia a scalata Generali

Il management della banca "non ha individuato le opportunità" necessarie per creare valore

Tav, terminato lo scavo a Chiomonte: prossimo step tunnel di base

Tav, terminato scavo Chiomonte: prossimo step tunnel di base

Telt ha sottolineato: "Nessuna criticità ambientale in oltre 40.000 misurazioni"

L'Ue bacchetta l'Italia: Squilibri economici eccessivi, crescita fiacca per debito

L'Ue bacchetta l'Italia: Squilibri economici eccessivi

Le misure per la correzione dei conti pubblici, pari almeno allo 0,2% del Pil, devono essere adottate "entro aprile"