Mercoledì 05 Ottobre 2016 - 19:15

Esselunga, Caprotti lascia il controllo a moglie e figlia

La lettura del testamento a sfavore dei figli di prime nozze. Marchetti presidente Cda

Esselunga, Caprotti lascia controllo a moglie e figlia. Marchetti presidente Cda

Il patron di Esselunga Bernardo Caprotti, morto venerdì 30 settembre all'età di 90 anni, ha lasciato le quote di maggioranza alla moglie Giuliana e alla figlia Marina. Queste le ultime volontà emerse dalla lettura del testamento. Le quote rimanenti vanno invece ai figli di primo letto. Il Consiglio di amministrazione di Supermarkets Italiani, la società che controlla Esselunga, si è riunito oggi a Milano per ricordare la figura del presidente. Tutti i consiglieri hanno espresso gratitudine e hanno reso omaggio alla figura del fondatore "per la straordinaria storia imprenditoriale di cui è stato protagonista e che ha consentito a Esselunga di diventare leader riconosciuto a livello internazionale nel settore della grande distribuzione". Il board ha deciso di fermare le operazioni di vendita e ha deliberato di cooptare, in sostituzione dello scomparso Caprotti, il professor Piergaetano Marchetti, che è stato nominato presidente.

LEGGI ANCHE 'Addio a Bernardo Caprotti, patron di Esselunga'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Agcom, nuove sanzioni contro le Telco per fatturazioni scorrette

Continua, nonostante la legge, il sistema delle 4 settimane. Va avanti l'istruttoria contro l'eventualità di un "cartello"

In Kenya un centro di formazione spaziale sostenuto dall'Italia

Trova interesse e risposte la proposta di cooperazione dell'Agenzia Spaziale Italiana. I "nanosatelliti" come primo passo per l'Africa

Italo va negli Usa, accettata l'offerta da due miliardi del fondo Gip

Accordo con il Global Infrastructure Partners III funds

JAPAN-STOCKS

Borse, l'Europa riparte e si riprende le perdite. Milano +2,86%

Ottima giornata per le Piazze del Vecchio Continente. Tutte con guadagni superiori all'1,5%. Wall Street in altalena