Mercoledì 05 Ottobre 2016 - 19:15

Esselunga, Caprotti lascia il controllo a moglie e figlia

La lettura del testamento a sfavore dei figli di prime nozze. Marchetti presidente Cda

Esselunga, Caprotti lascia controllo a moglie e figlia. Marchetti presidente Cda

Il patron di Esselunga Bernardo Caprotti, morto venerdì 30 settembre all'età di 90 anni, ha lasciato le quote di maggioranza alla moglie Giuliana e alla figlia Marina. Queste le ultime volontà emerse dalla lettura del testamento. Le quote rimanenti vanno invece ai figli di primo letto. Il Consiglio di amministrazione di Supermarkets Italiani, la società che controlla Esselunga, si è riunito oggi a Milano per ricordare la figura del presidente. Tutti i consiglieri hanno espresso gratitudine e hanno reso omaggio alla figura del fondatore "per la straordinaria storia imprenditoriale di cui è stato protagonista e che ha consentito a Esselunga di diventare leader riconosciuto a livello internazionale nel settore della grande distribuzione". Il board ha deciso di fermare le operazioni di vendita e ha deliberato di cooptare, in sostituzione dello scomparso Caprotti, il professor Piergaetano Marchetti, che è stato nominato presidente.

LEGGI ANCHE 'Addio a Bernardo Caprotti, patron di Esselunga'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Governo annuncia revoca concessioni ad Autostrade: titolo Atlantia a picco

I mercati puniscono la società controllante di Autostrade per l'Italia che fa capo alla famiglia Benetton. La replica: "Provvedimento senza una contestazione specifica"

TURKEY-ECONOMY-CURRENCY

Lira turca in bilico, Erdogan: "Boicotteremo prodotti elettronici Usa"

Dopo la ripresa e il sospiro di sollievo dei mercati, il nuovo annuncio rischia di riaffossare la moneta

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

US-ENGLAND-ART

Tensione sui prezzi a luglio. L'inflazione sale all'1,5%

Un aumento dello 0,2% su base annua. Crescono alcuni bene di consumo. Meno i servizi