Venerdì 08 Settembre 2017 - 10:30

Espulso 44enne tunisino: aveva aderito alla causa jihadista

L'uomo cercava anche di convincere giovani conoscenti a seguire l'ideologia dello Stato islamico

Espulso 44enne tunisino: aveva aderito alla causa jihadista

Un cittadino tunisino 44enne è stato espulso dal territorio nazionale per motivi di sicurezza. Secondo quanto riferito dal Viminale, l'uomo, dimorante a Milano in posizione irregolare, più volte arrestato per reati comuni e coinvolto in attività di spaccio di stupefacenti, era stato segnalato nel luglio scorso dai servizi di Intelligence perché aveva aderito all'ideologia dello Stato Islamico e alla causa jihadista.

Inoltre, dalle indagini investigative, è emerso che il tunisino aveva avviato un'azione di condizionamento e di proselitismo ideologico nei confronti di giovani, anche di nazionalità italiana, abitanti nel suo quartiere e coinvolti in attività di micro criminalità, in tali contesti era solito esporre le sue convinzioni glorificando il martirio e l'agognato paradiso.

Negli anni scorsi, il cittadino tunisino era stato altresì segnalato dal Dipartimento Affari Penitenziari come imam e descritto quale scrupoloso osservante dei dettami coranici.

Rintracciato a Milano il 29 agosto scorso, ne è stata disposta l'espulsione avvenuta con accompagnamento nel suo Paese con un volo diretto a Tunisi. Con questo rimpatrio, il 73° del 2017, sono 205 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal gennaio 2015 ad oggi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presunti abusi nel collegio dei chierichetti: il Vaticano apre una nuova indagine

Nuova inchiesta sul preseminario 'San Pio X'. Il tema scottante affrontato nel nuovo libro di Nuzzi

Sole e nuvole nel weekend: il meteo del 18 e 19 novembre

Le previsioni per sabato e domenica. Allerta arancione in Calabria

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Taranto, carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara: è grave

La tragedia è avvenuta in una strada centrale del paese, a Sava. Lite in famiglia: il militare è in fin di vita

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "La scienza ha dei limiti da rispettare. Serve responsabilità etica"

Il pontefice: "Tutti devono beneficiare del diritto alla tutela della salute"