Venerdì 24 Giugno 2016 - 16:00

Esplosione palazzo Milano, tubo del gas è stato manomesso

Il rubinetto nella casa di una delle vittime è stato svitato, indagato il marito

Esplosione palazzo Milano, tubo del gas è stato manomesso

Il tubo che portava il gas metano nell'appartamento della famiglia Pellicanò, al terzo piano della palazzina di via Brioschi a Milano esplosa domenica 12 giugno, era stato manomesso. È quanto è emerso dalle indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Nunzia Gatto e dal pm Elio Ramondini, che hanno indagato Giuseppe Pellicanò, 51 anni, per strage. La fuga di gas, da quanto è emerso dalle indagini, è iniziata nella notte tra sabato 11 e domenica 12 giugno. Il tubo che collegava la cucina dei Pellicanò all'impianto, infatti, era svitato e dal rubinetto a muro il metano era libero di uscire e invadere l'appartamento. In poche ore la casa della famiglia Pellicanò si è saturata: accertamenti tecnici rilevati nei giorni scontri sui contatori hanno mostrato come l'erogazione di metano quella notte nella casa fosse pari a 6 metri cubi per ora. Per riempire completamente l'appartamento al terzo piano della palazzina di via Brioschi, da quanto si è saputo, sarebbe bastato un flusso di 1 metro cubo per ora.

Nel frattempo, lunedì la Procura nominerà l'esperto che avrà l'incarico di eseguire accertamenti irripetibili, trai quali rilevare eventuali impronte digitali ancora non individuate nell'appartamento della famiglia. Pellicanò, in qualità di indagato, e le parti lese potranno dunque nominare i lori consulenti per partecipare agli accertamenti.

LEGGI ANCHE 'Esplosione palazzo Milano, marito donna morta indagato per strage'

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: ipotesi rapina

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro. Indagano i caraninieri

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese

Matteo Renzi visita la Tegim Telethon a Pozzuoli

Malattie rare: oltre 6mila patologie colpiscono 600mila italiani

Sono casi gravi, spesso letali, e spesso non esistono terapie disponibili