Venerdì 05 Agosto 2016 - 20:30

Esplosione in un hotel a Portovenere: due persone ferite

Il proprietario era al lavoro sul trattamento del cloro della piscina. Intossicato un dipendente

Esplosione in un hotel a Portovenere: due persone ferite

Un'esplosione ha provocato il ferimento del proprietario di un hotel di Porto Venere, in provincia della Spezia. L'uomo è stato ferito mentre lavorava sul contenitore del trattamento del cloro della piscina dell'albergo. Dopo il ferimento alcuni membri del personale sono arrivati a soccorrere il proprietario: uno dei dipendenti è rimasto intossicato dai vapori del cloro. Entrambi sono stati trasportati all'ospedale della Spezia. I vigili del fuoco sono intervenuti e hanno raccolto le pastiglie di cloro, areato il locale e transennato. Le squadre sono ancora sul posto per monitorare il livello dei vapori in attesa che scendano a livelli adeguati. Interessati dell'incidente sono i locali tecnici della piscina e la cucina che al momento è chiusa. Le stanze dell'albergo non sono invece interessate.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Mostro Circeo, Izzo a pm: "Nel '75 uccidemmo una 17enne veneta"

Ha raccontato ai magistrati la verità su Rossella Corazzin, sparita 43 anni fa dai boschi di Tai di Cadore mentre era in vacanza. Fu violentata da un branco di 10 uomini e poi ammazzata

L'esercito dei bambini scomparsi: in Italia sparisce un minore ogni 48 ore

Nel 2017 il Telefono Azzurro ha gestito 177 casi. Il Lazio la regione più problematica

La polizia di Frontiera Francese continua i controlli alla stazione di Bardonecchia

Migranti, trovato cadavere al confine tra Italia e Francia

Il corpo rinvenuto a Bardonecchia, nei pressi del sentiero montano dell'orrido del Frejus

Roma, scritta BR sulla lapide di Via Fani

Roma, scritta 'Br' su monumento Martiri di via Fani: denunciato responsabile

È un romano di 47 anni incensurato, autista Ncc: il 22 marzo scorso la scritta con lo spray sulla lapide. Perquisita la sua abitazione