Martedì 12 Gennaio 2016 - 13:00

Energia, Pricewise: Aumenta chi cambia gestore,oltre 5% utenti in 2015

Il 63,5% si è informato attivamente sulle opportunità di risparmio derivanti dalle offerte di libero mercato per le utenze domestiche

Energia, Pricewise: Aumenta chi cambia gestore,oltre 5% utenti in 2015

Quasi 9 italiani su 10 sono stati contattati telefonicamente almeno una volta negli ultimi 3 mesi per offerte di cambio gestore per i servizi di energia, telecomunicazione o internet. Il 73,4% ha però interrotto immediatamente la conversazione. E' quanto emerge da una ricerca condotta da Human Highway per Pricewise. Un dato che va apparentemente a scontrarsi con il significativo incremento degli 'switchers' - coloro cioè che passano a un nuovo contratto per le utenze domestiche -, che nel 2015 hanno superato per la prima volta in modo deciso la soglia del 5% che ha caratterizzato gli ultimi 10 anni, segnando un avvicinamento alle medie europee per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica.

 

Degli italiani che hanno deciso di cambiare fornitore, segnala Pricewise, il 63,5% si è informato attivamente sulle opportunità di risparmio derivanti dalle offerte di libero mercato per le utenze domestiche, principalmente via web. Mentre il 32,5% dichiara di essersi affidato, prima dello switch, a informazioni provenienti da rappresentanti, agenti di commercio o dalla pubblicità tradizionale.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, manifestazione Cgil Cisl e Uil

Pensioni, appello di Gentiloni a sindacati. Ma Camusso: "Non sono ottimista"

Il governo si è impegnato ad esentare dallo scatto dell'età pensionabile 15 categorie di lavoratori

Francoforte, convegno BCE

Draghi: "Ripresa solida e ampia, ma inflazione non convincente"

Il presidente della Bce parla in audizione di fronte alla commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo

Aeroporto di Torino Caselle

Alitalia, Delrio: "Lufthansa fa i suoi interessi, pensiamo al turismo"

Il ministro dei Trasporti avverte i tedeschi: "I patti siano chiari"