Lunedì 03 Luglio 2017 - 17:15

Emergenza sbarchi, domani l'Ue vara codice di condotta delle ong

La Commissione al lavoro per rispondere alle esigenze poste dall'Italia sul dramma dei migranti: "Agire con urgenza"

Emergenza sbarchi, domani l'Unione europea vara il codice di condotta delle ong

Il collegio dei commissari Ue presenterà domani varie misure sul tema dell'emergenza sbarchi che saranno poi discusse dai ministri dei vari Paesi. Si tratterà di un piano molto concreto. Dentro ci sarà un codice di comportamento delle ong che operano nel Mediterraneo. Lo ha dichiarato Alexander Winterstein, portavoce della Commissione europea, in conferenza stampa a Bruxelles quando gli è stato chiesto che cosa la Commissione abbia in programma per rispondere alle richieste dell'Italia in materia di immigrazione. Natascha Bertaud, portavoce per le Migrazioni, ha poi ricordato che il commissario alle Migrazioni, Dimitris Avramopoulos, ieri ha incontrato i ministri degli Interni di Italia, Francia e Germania a Parigi.

Ripercorrendo i punti discussi ieri, ha ribadito che il collegio domani "discuterà e presenterà una serie di misure su come noi e gli altri Stati membri e l'Italia possiamo rafforzare il nostro lavoro collettivo sull'immigrazione, per aiutare e sostenere l'Italia e per ridurre i flussi sulla rotta centrale del Mediterraneo". Bertaud ha poi aggiunto che "questo dovrà formare la base delle discussioni del prossimo Consiglio Affari interni informale che si terrà giovedì a Tallin".

"La novità - ha proseguito Bertaud - sarà il bisogno di agire immediatamente, ma sapendo che questo problema non è nuovo e che non lo sono neppure le soluzioni che si possono trovare", ma "ciò che serve ora è una accelerazione di ciò che tutti noi facciamo, istituzioni europee, Stati membri e Italia, per attuare meglio le nostre politiche comuni in materia d'asilo". Sugli sbarchi, ha proseguito Bertaud, i ministri ieri "hanno convenuto che l'Italia creerà una sorta di codice di condotta per le ong che operano nel Mediterraneo".

A proposito di tale codice di condotta, la portavoce ha spiegato: "La situazione nel Mediterraneo è controllata dalla legge internazionale. Il codice potrebbe consistere in una spiegazione più dettagliata di come applicare quella legge", in particolare sul "miglior coordinamento delle operazioni condotte nel Mediterraneo", con "un chiaro numero di linee guida che copra tutti i diversi scenari su come le ong nel Mediterraneo cooperano e lavorano con i soggetti europei che conducono operazioni simili, e con i centri competenti secondo il diritto internazionale per dirigere e gestire le operazioni di ricerca e soccorso nelle loro rispettive aree". Sull'origine di tale codice, la portavoce ha precisato che "nella discussione di ieri è stata l'Italia ad avere l'idea e l'iniziativa di creare questo codice di condotta, con il pieno sostegno della Commissione".

LE ONG CHIEDONO UN CONFRONTO CON IL GOVERNO. Tuttavia l'Aoi, Associazione delle organizzazioni italiane di cooperazione e solidarietà internazionale, esprime forte preoccupazione in merito agli esiti del prevertice di Parigi, che anticipa il summit di Tallin, e chiede un incontro con il governo.

"Italia, Germania e Ue - scrive l'associazione - hanno deciso di dare 'fiducia' e autonomia nel controllo dei flussi dei migranti e profughi al governo libico, che non ha rispetto alcuno dei diritti umani, con la conseguente piena e libera operatività alla sua guardia costiera, quella stessa che spara alle navi che salvano vite umane, anche a quelle della guardia costiera italiana. Di colpire le #ONG, limitandone fortemente l'operato umanitario e stabilendo livelli di controllo addirittura delle loro fonti di finanziamento. In questi mesi Ong e associazioni impegnate nell'asilo e accoglienza dei profughi e migranti hanno inviato appelli, posizionamenti e proposte al Governo italiano chiedendo incontri per un confronto e hanno sensibilizzato le reti sociali della solidarietà europea perché chiedessero un impegno dei loro Paesi a fianco dell'Italia nell'affrontare la crisi umanitaria. Ma non questo tipo di impegno, teso a erigere nuovi 'muri'".

"Le ong attive sulle navi della solidarietà - continua - sono state oggetto di attacchi mediatici e commissioni d'inchiesta da cui é emersa chiaramente la loro mission e la loro azione trasparente e coerentemente solidale. Oggi di nuovo Italia, Francia, Germania e UE insieme hanno deciso di 'sposare' la linea di Frontex e di individuare nel soccorso umanitario in mare delle organizzazioni sociali il problema, il mitico 'pull factor' del fenomeno migratorio".

Ma l'Aoi non ci sta e chiede "che il Governo italiano incontri le rappresentanze ong, il Tavolo Asilo e le associazioni tutte che stanno sulle navi della solidarietà nel nostro Mediterraneo per spiegare prima del vertice di Tallin quali sono le posizioni certe dell'Italia e quali le motivazioni e perché venga data una risposta certa alle tante richieste di incontrarsi e confrontarsi. L'Italia non si può permettere una divisione netta tra la politica e la società civile solidale e responsabile".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Proteste in Zimbabwe

Zimbabwe, Mugabe espulso come leader del partito: sostuito da vice

Emmerson Mnangagwa ha preso il posto del presidente che è al potere dal 1980

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, sette tentativi falliti di chiamate d'emergenza dal sottomarino scomparso

I segnali ricevuti fra le 10.52 e le 15.42 ora locale e hanno avuto una durata dai 4 ai 36 secondi. Non si è però riusciti a stabilire un contatto

Proteste in Zimbabwe

Zimbabwe, manifestanti anti-Mugabe marciano verso residenza presidente

Il nipote: "Lui e la moglie Grace sono pronti a morire per ciò che è giusto e non hanno intenzione di dimettersi"

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, sottomarino militare scomparso da 2 giorni nell'Atlantico: ricerche in corso

A bordo 44 membri dell'equipaggio. Sarebbe andato a fuoco il sistema radio all'interno dell'imbarcazione