Lunedì 30 Ottobre 2017 - 17:15

Emergenza incendi, Minniti: "L'elemento doloso è dominante"

Il ministro Galletti contro i piromani: "Applicare la pena con massima severità"

Incendi in Val Susa

"Sono in corso indagini per capire come mai si siano prodotti gli incendi. Non abbiamo trovato dispositivi già consumati, ma dispositivi pronti ad agire. Quindi vuol dire che ci sono stati o che si presume che ci possano essere state attività di carattere doloso". Queste le parole del ministro degli Interni, Marco Minniti, al termine del vertice in prefettura a Torino sull'emergenza incendi. "Ci sono indagini in corso, l'elemento doloso non è unico ma dominante - ha aggiunto il ministro -. Le forze dell'ordine stanno monitorando: se dovessero ripartire i venti, qualcuno potrebbe avere l'idea di riattivare focolai".

"Abbiamo un quadro molto impegnativo, e tuttavia oggi possiamo dire che si è significativamente diminuito il numero delle criticità, che sono contenute tra 3 e 4 siti. La situazione complessiva è dunque sotto controllo". 

Sull'emergenza dice la sua anche il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti. "Questo governo ha introdotto uno strumento nuovo, quello degli ecoreati, che permettono di sanzionare i piromani con una pena detentiva che va oltre i 15 anni. Io chiedo a tutti coloro che sono deputati ad applicare quella pena di farlo con la massima severità", ha detto Galletti parlando a margine del Climate Innovation Summit a Milano. Quello degli incendi, ha aggiunto, "è un danno al patrimonio naturale: i piromani tolgono il futuro al Paese. Abbiamo messo una norma, applichiamola con la massima severità". E rispondendo a chi gli ha chiesto se alla base dell'emergenza incendi ci sia anche un problema di controllo del territorio, Galletti ha chiarito che "per presidiare meglio il territorio, in tanti casi abbiamo addirittura mosso l'esercito e continueremo a farlo, anche se il territorio è vasto e ci sono delle difficolta. Su questo c'è la massima determinazione del governo".

Loading the player...

E mentre si cerca di far fronte ai roghi, arrivano le prime stime sui danni. Secondo la Coldiretti ci vorranno almeno 15 anni per ricostruire i boschi andati a fuoco e gli effetti si faranno sentire su ambiente, economia, lavoro e turismo.

"Il fuoco - sottolinea la Coldiretti - divampa tra la vegetazione secca con pesanti effetti dal punto di vista ambientale dovuti alla perdita di biodiversità (distrutte piante e uccisi animali) e alla distruzione di ampie aree di bosco che sono i polmoni verdi del Paese e concorrono ad assorbire l'anidride carbonica responsabile dei cambiamenti climatici. Nelle foreste andate a fuoco - precisa la Coldiretti - saranno impedite anche tutte le attività umane tradizionali del bosco come la raccolta della legna, dei tartufi e dei piccoli frutti, ma anche quelle di natura hobbistica come i funghi che coinvolgono decine di migliaia di appassionati".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma. Arrivato il freddo, cappelli, sciarpe e cappotti

C'è il sole ma fa freddo: il meteo del 19 e 20 novembre

Secondo le previsioni è previsto un lieve calo delle temperature

New York, Westminster Kennel Club dog show 2014

Torino, addestratore sbranato e ucciso dal cane di un amico

Trovato senza vita in un terreno recitato: sul corpo aveva segni di morsi e graffi

Ostia, chiusura campagna elettorale ballottaggio per presidente municipio

Ostia blindata per il ballottaggio, urne aperte: si vota fino alle 23

Dopo la testata di Spada al giornalista Rai, due manifestazioni per dire no alla mafia e l'attacco intimidatorio alla sede del Pd, oggi nei 183 seggi agenti in borghese, Digos ed esercito