Lunedì 18 Dicembre 2017 - 09:45

Elezioni, Di Maio apre alle alleanze: "Se non prendiamo il 40%, governeremo con chi ci sta"

Il candidato premier M5s contrario al Gentiloni bis: "Mi terrorizza". E pronto al confronto tv con gli altri sfidanti. Di Battista non sarà tra i ministri

Residenza Ripetta. Convegno "Servizi pubblici e nuova politica" con Luigi Di Maio

"Se alle elezioni

non dovessimo arrivare al 40 per cento, la sera faremo un appello a tutte le forze politiche entrate in Parlamento e governeremo con chi ci sta". Apre alle alleanze il candidato premier del M5s, Luigi Di Maio, in un'intervista a Circo Massimo, su Radio Capital. Aggiungendo che "la nostra squadra di governo sarà patrimonio del Paese non del Movimento 5 stelle".

Contrario a un Gentiloni bis di breve durata: "L'idea proposta da Berlusconi mi terrorizza", ha detto.

Anche perché una legislatura di pochi mesi gli impedirebbe di ricandidarsi nuovamente

. Per il momento è certo però che "Alessandro Di Battista non sarà fra i ministri, me lo ha chiesto lui", ha proseguito il candidato premier pentastellato. Pronto quindi alla campagna elettorale e anche al confronto televisivo con gli altri rivali, "con tutti i candidati premier delle altre forze politiche. Ci facciano sapere chi sono".

Sulla questione fake news attacca il Pd: "È inutile usare il tema delle bufale per giustificare una sconfitta politica, come quella del referendum. Le vere bufale le hanno introdotte loro".

Su Facebook, Di Maio è andato all'attacco: "

Giancarlo Cancelleri aveva proposto ai siciliani un programma fatto di eliminazione dei privilegi, lotta alla mafia, sostegno alle imprese e vicinanza ai cittadini e abbiamo ottenuto il 35%. Musumeci invece proponeva Miccichè che appena eletto presidente dell'assemblea con i voti del Pd ha dichiarato che non taglieranno i faraonici stipendi, quindi figuriamoci se toccheranno i vitalizi, ma in compenso metteranno mano alla commissione antimafia - ha scritto - Hanno vinto grazie agli impresentabili arrestati e condannati e a una miriade di liste. Oggi la maggioranza di centrodestra ha già perso la Lega ed è tenuta in vita dai voti del PD che hanno contribuito all'elezione di Miccichè come presidente. Questo non sorprende. Forza Italia e Pd hanno lo stesso programma: tenere in vita il sistema morente. Il 4 marzo si sceglie tra il programma di cambiamento del MoVimento e il programma di immobilità di Pd e Forza Italia. Solo che diversamente da quanto accaduto in Sicilia loro non avranno la maggioranza". Per ilkc andidato premier pentastellato "

nella prossima legislatura, l'unica possibilità per gli altri partiti è quella di sostenere un governo 5 stelle. Questa legge elettorale era stata progettata per far mettere insieme Pd e Forza Italia. Oggi il Pd è al 20%, Forza Italia al 15%. L'incastro è impossibile. L'unica occasione di stabilità siamo noi. O sostengono noi o si torna a votare. Decideranno in fretta. Perché faremo un appello a tutti la sera delle elezioni e chiederemo cosa vogliono fare", conclude il vicepresidente della Camera

".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, Burlando: "Alla città servono nuove opere, non si torni indietro"

L'analisi dell'ex ministro dei Trasporti nel governo Prodi e presidente della Regione Liguria dal 2005 al 2015

Crollo ponte Genova, Di Maio e Toninelli in visita al luogo del disastro

Genova, scontro sulla concessione. Atlantia a picco: "Ci spetta valore residuo". Di Maio: "Non pagheremo penali"

I mercati puniscono la società controllante di Autostrade dopo l'annuncio del governo sulla possibile revoca: il titolo cede oltre il 25%

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Paita: "Conseguenze catastrofiche, il governo ascolti la città"

Intervista alla deputata dem, ex candidata alla presidenza della Liguria: "Un anno fa feci un'interrogazione proprio sulla sicurezza di quel ponte, mi dissero che andava tutto bene"

Milano, Salvini al Gazebo della Lega per votare  il contratto di governo con M5s

Genova, la promessa di Salvini: "Nella prossima manovra soldi per messa in sicurezza del Paese"

Il ministro dell'Interno assicura: "Faremo una radiografia dell'Italia che soffre, bisogna intervenire prima"