Martedì 07 Novembre 2017 - 09:00

Elezioni, Ostia al ballottaggio. CasaPound entra in consiglio

È la prima volta che il movimento di estrema destra guadagna delle poltrone e giura: "Ora puntiamo al Parlamento"

Elezioni X Municipio. La chiusura della campagna elettorale di Casapound

Da una parte la professoressa di Lettere di Fratelli d'Italia, Monica Picca, del 1971, dall'altra una fedelissima della sindaca di Roma, Giuliana Pillo, 1962, anche lei insegnante ma di sostegno. Saranno loro al ballottaggio fra quindici giorni a Ostia, X Municipio della Capitale, che viene da più di due anni di commissariamento. Ma la vera novità di queste elezioni è che CasaPound entra in Consiglio e nella storia.

La coalizione di Luca Marsella ha raggiunto il 9.1% eleggendo un consigliere attestandosi come quarta forza subito dopo M5S, Centrodestra e Pd. Sono 5.944 i voti incassati con punte del 20% in alcune sezioni dei quartieri popolari. Il 15% è stato raggiunto anche nei seggi del centro ma spicca anche un 17% all'Infernetto.

A caldo il candidato ha commentato: "I dati che abbiamo sul risultato di CasaPound confermano le previsioni dei sondaggi. È stato un risultato eccezionale, una vittoria che è prima di tutto una vittoria di popolo. Quello di oggi non è un punto di arrivo ma è una nuova partenza e il prossimo stop, ne siamo certi, sarà Montecitorio".

Festeggia anche il leader del Movimento della tartaruga su sfondo nero. Il vicepresidente Simone Di Stefano brinda: "A Ostia abbiamo ottenuto una vittoria senza precedenti che ci proietta diritti in Parlamento". Ora quei ragazzi che promettono 'pulizia' dagli stranieri, che difendono gli italiani e che donano pacchi di alimenti a famiglie in fragilità sociale, ora hanno preso piede. CasaPound ha occupato lo spazio lasciato libero dai partiti, specialmente quelli vicini alle gente e al popolo.

Scritto da 
  • Denise Faticante
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"

Migranti, Saviano a Salvini: "Quanto piacere provi a vedere bimbi morire?". E lui lo querela

Lo scrittore risponde a un post del ministro dell'Interno su Facebook con la foto della donna morta in mare con il suo bambino

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

A Forza Italia la Vigilanza Rai: è Barachini il nuovo presidente

Al Copasir è stato invece eletto presidente Lorenzo Guerini, del Pd