Lunedì 22 Gennaio 2018 - 10:15

Elezioni, Di Maio. "Se non avrò i numeri farò appello a tutti i partiti"

E rispondendo al premier Gentiloni: "È il Pd a non avere i numeri. Così fa endorsement a Berlusconi"

Presentazione del programma di governo del M5s al Villaggio Rousseau di Pescara

"Se non dovessimo avere i numeri da soli io non mi sottrarrò dal fare un appello pubblico a tutte le forze politiche". A dirlo è Luigi Di Maio, il candidato premier del M5S, a 'Mattino Cinque'. "O il 4 marzo o si dà il voto inutile al Pd o si dà ai 5 Stelle", ha precisato.

Inevitabile un commento sulle parole del premier Paolo Gentiloni ("Penso che la possibilità che il Movimento 5 Stelle arrivi a guidare il governo non ci sia. Perché è una forza che se anche avesse risultati significativi, risultati che attualmente gli vengono attribuiti da sondaggi non so quanto generosi, non avrebbe i numeri per governare"). "Il suo partito è al 20%, allora è tagliato fuori. Così Gentiloni sta facendo un endorsement a Berlusconi. Criticarci è legittimo, quello che non sopporto è che ci diano degli incompetenti quelli che hanno ridotto Roma in queste condizioni. Noi stiamo cercando di mettere a posto alcuni dei danni fatti in questi ultimi 30 anni, ce la stiamo mettendo tutta", ha aggiunto. "Una parte della politica italiana ha paura che gli facciamo saltare qualche privilegio e parte dei soldi che si è presa in questi anni", ha continuato Di Maio ricordando che il Movimento è l'unico ad aver tagliato stipendi e indennità parlamentari.

E ancora. "Mi prendono in giro per i miei lavori, io invece sono orgoglioso, come tanti altri giovani". Così il candidato premier del M5S, Luigi Di Maio, a 'Mattino Cinque'. "Ho sempre cercato di trovarmi un lavoro", ha aggiunto a proposito della sua esperienza prima di entrare in Parlamento, "stavo cercando di aprire una start-up innovativa. Il progetto spero di poterlo poi portare avanti - ha aggiunto Di Maio -, anche perché per le nostre regole non possiamo rimanere in politica 30 anni come gli altri". 

Tornando poi sulla polemica in cui è finita Orietta Berti per l'apprezzamento a Di Maio e l'esposto all'Agicom di Boccadutri, deputato del Partito democratico e componente della Commissione Vigilanza Rai, tirando in ballo la nuova legge sulla par condicio, il candidato premier pentastellato ha fatto sapere: "Di questi tempi la mia canzone preferita è sicuramente 'Finché la barca va' di Orietta Berti, in solidarietà con lei". Mentre uno dei suoi film preferiti "è la saga di 'Ritorno al futuro'", ha precisato ancora Di Maio. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo Genova, i vigili del fuoco proseguono ispezione area ponte

Genova, Mit e Autostrade nel mirino. Pressing per dimissioni Ferrazza

Bufera sull'architetto alla guida della commissione d'inchiesta del ministero

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, M5S: "Forza Italia e Pd hanno favorito i concessionari autostradali"

Per i pentastellati "sono stati proprio i governi di centrodestra e centrosinistra a costruire un sistema insano"

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Governo all'opera: studia 'piano Giorgetti' e dialoga con Fi

La proposta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio: "Non riguarderà solo autostrade e ponti ma anche le scuole. Sarà un'operazione di manutenzione senza precedenti"

Genova, crollo Ponte Morandi: Matteo Salvini sul luogo del disastro

Autostrade, l'ipotesi nazionalizzazione agita il governo e la Lega

Fa discutere anche il voto del Carroccio, nel 2008, a favore della conversione del decreto 'Salva Benetton'