Venerdì 15 Dicembre 2017 - 19:00

Elezioni, il Colle pensa a serenità del Paese: l'obiettivo è stabilità

Mattarella agisce con discrezione, motivato dal bene primario di tutelare l'Italia

Mattarella incontra una delegazione della Fondazione "Premio Ischia"

Pare che nemmeno l'ultimo scossone provocato dai cascami del caso Banca Etruria, con tutto ciò che ne consegue o ne potrebbe conseguire per la sottosegretaria Maria Elena Boschi, abbia scalfito la serenità di chi frequenta il Colle. Serenità che deriva dal fine corsa (per adesso) morbido della gestione Gentiloni, dagli sviluppi quasi fisiologici degli emendamenti alla legge di Bilancio e dalla volontà allargata di chiudere la legislatura senza bocciature di fine anno per poter gestire in tranquillità un dopo voto eventualmente controverso.

In fondo, nel caso in cui non si dovesse o potesse formare un nuovo esecutivo, una soluzione 'stile Spagna' sarebbe accettata - con diversi gradimenti - da tutti nell'attesa di ripresentarsi alle urne. Ma procedere lungo questa direttrice con un Gentiloni sfiduciato (ad esempio sullo ius soli) diventerebbe oggettivamente complicato, quasi impossibile, visto che non sarebbe comunque agevole operare con un governo di minoranza.

Il presidente Mattarella osserva e agisce - come consuetudine - con massima discrezione, motivato dal bene primario di mettere in massima tutela il Paese. Parla con Gentiloni e con Renzi, ma pure con gli uomini politici di Berlusconi: l'incertezza degli analisti a infilarsi tra le pieghe di un voto assolutamente nuovo nelle sue meccaniche rende meno attendibili le previsioni, malgrado a grandi linee i numeri parlino abbastanza chiaro. Nel caso fossero necessarie coalizioni, il Colle non si opporrebbe purché avvengano alla luce del sole. Al Quirinale si legge e si ascolta tutto: anche chiavi interpretative esageratamente preoccupate per i riflessi negativi che potrebbero avere le elezioni, là dove l'instabilità politica sarebbe in grado di generare un brusco stop lungo il cammino delle riforme, mettendo a rischio la crescita: a nessuno è sfuggito il grido di allarme lanciato mercoledì da Confindustria. La posizione al riguardo è netta: occuparsi sì, preoccuparsi no. Sotto il profilo economico-finanziario, la situazione viene considerata 'sotto controllo'.

Insomma, in sicurezza. Semmai, ciò che infastidisce, adesso, sono gli sviluppi sulla querelle delle banche. Il premier si è esposto in prima persona a tutela di Boschi, annunciandone la ricandidatura e auspicando che "le prossime settimane non siano dominate da bisticci". Auspicio tanto legittimo quanto arduo da realizzare. Anche perché è imminente l'audizione di Ghizzoni, ex amministratore delegato di Unicredit, che potrebbe alimentare il fuoco di altre polemiche. I cinquestelle attaccano, il centrodestra sferza, il Pd si difende e fa quadrato: al momento, niente che non fosse prevedibile e gestibile. Un fastidio, per l'appunto.

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Stato-mafia, M5S: "Giornata storica". Berlusconi e Fi pronti a querelare pm

Una sentenza che fa discutere e che rende ancora più aspri i toni dello scontro politico

Senato, Palazzo Giustiniani. Consultazioni

Centrodestra rischia di implodere: ma Cav e Salvini non mollano la coalizione

Alta tensione tra i due leader, divisi per strategie e intendimenti, ma costretti in una 'cintura' che si stringe giorno dopo giorno

Quirinale - Consultazioni

Il malumore di Mattarella, i litigi e il disinteresse per la gente

Dopo due giorni di 'esplorazioni' l'aria è pesante. E si alza il livello dello scontro (e del cattivo gusto)

Milano, Processo Ruby bis in tribunale

Emilio Fede: "Consigliai io a Casalino di proporsi come pr al M5S. È bello e simpatico"

L'x direttore del Tg 4 ha raccontato: "Venne da me e gli proposi di offrire la sua capacità, la sua simpatia e la sua bellezza fisica"