Venerdì 06 Aprile 2012 - 18:55

Egitto, vice di Mubarak Suleiman cambia idea: Mi candido a presidenza

IMG

Il Cairo (Egitto), 6 apr. (LaPresse/AP) - Omar Suleiman, ex vice presidente egiziano nominato da Hosni Mubarak, si candiderà per la presidenza del Paese a differenza di quanto precedentemente dichiarato. Lo ha comunicato lui stesso tramite una nota diffusa dall'agenzia di stato Mena. Suleiman precisa di aver cambiato idea a causa del sostegno e delle suppliche dei suoi sostenitori. Dovrà ora avere l'appoggio di 30mila persone e quindi presentare formalmente la domanda. Mubarak nominò Suleiman, allora capo dei servizi segreti dell'Egitto e alleato chiave del presidente ormai deposto, durante le rivolte dello scorso anno. Molti diffidano di lui e lo ritengono un simbolo del vecchio regime; ha tuttavia trovato il sostegno tra alcuni liberali e moderati che temono il crescente potere degli islamisti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Londra, allarme a Oxford Street

Falso allarme a Oxford Street: riaperte tre stazioni metro a Londra

Fuga di massa nel cuore delle vie dello shopping. Testimoni: uditi spari, ma non c'è traccia di sparatoria

Madrid, la stazione di Atocha e il memoriale per le vittime dell’attentato

Dal 2002, 3.845 morti e 12.417 feriti in 56 attentati. E' la "contabilità" del terrore

L'attentato alla moschea di Al-Arish è uno dei più gravi degli ultimi anni. Da Al Qaeda, all'Isis passando per i ceceni. Fino ai lupi solitari

Egitto, attacco alla moschea di Al-Arish

Egitto, attacco alla moschea di Al-Arish. E' strage: almeno 235 morti e oltre 100 feriti

Preso di mira il tempio nella zona settentrionale del Sinai. I terroristi hanno lanciato bombe e sparato sui fedeli in fuga

Egitto, attacco alla moschea di Al-Arish

Egitto, attacco alla moschea di Al-Arish. E' strage: almeno 235 morti e oltre 100 feriti

Preso di mira il tempio nella zona settentrionale del Sinai. I terroristi hanno lanciato bombe e sparato sui fedeli in fuga