Lunedì 25 Aprile 2016 - 18:30

Egitto, scontri in proteste contro al-Sisi: arrestati reporter

A Giza fermati anche un giornalista danese e uno norvegese

Egitto, scontri in proteste contro al-Sisi: arrestati giornalisti

Tensione durante le proteste contro il presidente Abdel Fatah al-Sisi nell'area Dokki del Cairo, in Egitto, disperse dalla polizia antisommossa con gas lacrimogeni pochi minuti dopo che centinaia di persone si erano raccolte in piazza al-Mesaha scandendo lo slogan 'Abbasso il regime militare'. Diversi manifestanti sono stati arrestati, così come sono stati fermati dei giornalisti, intercettati perché in possesso di macchine fotografiche in vista. In precedenza a Giza lo era stato l'organizzatore del Movimento giovanile 6 aprile, Hamdy Qeshta, mentre la protesta locale veniva dispersa dalla polizia. Un giornalista danese, Stefan Sigaard Weichert, e un reporter freelance norvegese, Harald Christian Hoff, sono stati fermati durante le proteste. Lo ha riferito Daily News Egypt, precisando che altri giornalisti e molti dimostranti sono stati fermati nella stessa zona e al Cairo durante le manifestazioni contro la cessione di due isole all'Arabia Saudita.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Pentagono ammette l'esistenza di un programma per cercare gli Ufo

Da anni il programma 'segreto' indaga sulle segnalazioni di oggetti volanti non identificati

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, l'Onu lavora a bozza di risoluzione contro la mossa di Trump

Nel testo si evidenzia che qualsiasi decisione sullo status della città non ha alcun effetto legale

Sanità, Trump vieta la parole "transgender", "feto", "diritti" e "basato sulla scienza"

L'ordine riguarda i documenti ufficiali di bilancio del Center of Disease Control. Sette i termini cancellati. Imbarazzo e perplessità

AUT, 24. OSZE Ministerrat

Austria, Strache al governo con Kurz. Ministeri chiave a estrema destra

Il presidente austriaco ha dato luce verde alla formazione del nuovo esecutivo con la coalizione tra il Partito popolare (Övp) e gli ultranazionalisti del Partito liberale (FpÖ)