Sabato 02 Dicembre 2017 - 21:45

Egitto, incitò stupro donne: avvocato condannato a 3 anni di carcere

Per le Nazioni unite, due donne su tre in Egitto subiscono violenze quotidianamente in casa o al lavoro

 Kendall Jenner e Bella Hadid sul set fotografico di  Laurie Lynn Stark

Un tribunale egiziano ha condannato a tre anni di carcere un avvocato che in tv definì "un dovere nazionale" stuprare e molestare sessualmente le donne che usano jeans strappati. L'agenzia Mena ha precisato che il legale, Babih al Wahsh, è stato multato con una cifra pari a 1.129 dollari al Cairo. È stato giudicato in contumacia e resterà in libertà sino a quando si terrà l'udienza d'appello, con pagamento di una cauzione pari a 565 dollari. È stato condannato per il reato di incitamento a commettere stupro nei confronti delle donne e per aver "fatto dichiarazioni che causano danno all'interesse e alla pace pubblica".

Interrogato il 22 novembre scorso, l'avvocato aveva confermato le dichiarazioni rilasciate in tv, spiegando che voleva "avvertire le donne" perché evitassero di portare tali abiti, secondo Mena. Per le Nazioni unite, due donne su tre in Egitto subiscono violenze quotidianamente in casa o al lavoro. Un sondaggio del 2013 aveva rivelato che il 99% delle donne aveva subito molestie sessuali nel Paese.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'aeroporto di Amsterdam circondato dai media e dalla curiosita' della gente dopo l'incidente aereo di ieri

Amsterdam uomo con coltello all'aeroporto. Colpito dalla polizia

La persona agitava l'arma contro le persone. Gli hanno sparato. Zona interdetta

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, 2 palestinesi morti e oltre 100 feriti nelle proteste

La prima "giornata della rabbia". Le vittime sono due uomini. Hamas invita ad assediare le ambasciate Usa nel mondo

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"