Sabato 07 Maggio 2016 - 23:00

Economista torinese risolve equazione: scambiato per terrorista

Gli 'strani' segni sul taccuino hanno fatto insospettire una signora che ha dato l'allarme: l'uomo è stato fatto scendere dall'aereo

Economista torinese risolve equazione ma lo scambiano per terrorista

La vicenda ha il lieto fine ma quanto vissuto ieri da Guido Menzio, economista torinese di 40 anni e professore all'Università della Pennsylvania, ha dell'incredibile. L'uomo stava per decollare dall'aeroporto di Philadelphia a bordo di un volo regionale diretto a Syracuse, nello Stato di New York; aveva in mano un foglio di carta e una penna e stava risolvendo una formula matematica.

La passeggera seduta vicina a lui, però, si è insospettita vedendo quegli strani segni sul taccuino di quell'uomo dai tratti mediterranei e ha passato un bigliettino a uno steward che ha dato l'allarme. L'aereo, pronto al decollo, è quindi tornato indietro e Menzio, come riferisce il Washington Post, ha dovuto dare spiegazioni a un funzionario. "Stavo risolvendo un'equazione", ha raccontato l'economista a chi lo stava interrogando. L'aereo è quindi ripartito con due ore di ritardo.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"

Olanda, accoltellamento a Maastricht: almeno due morti

Diverse persone ferite nella città al confine tra Belgio e Olanda. Non si sa se si tratta di terrorismo

Francia, treno travolge scuolabus vicino a Perpignan

Francia, scontro treno-scuolabus vicino Perpignan: morti quattro adolescenti

Il pullman che trasportava i ragazzini dal liceo di Millas spaccato a metà nell'impatto, come feriscono alcuni testimoni

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido