Mercoledì 09 Novembre 2016 - 20:30

E' Paolo Bini il vincitore del 17esimo 'Premio Cairo'

Fino al 13 novembre a Palazzo Reale la mostra coi lavori inediti di quest'anno

E' Paolo Bini il vincitore del 17esimo 'Premio Cairo'

Paolo Bini vince il 17esimo Premio Cairo con la sua opera 'Luoghi del Sé.' La giuria era composta da: Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, presidente della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, Luca Massimo Barbero, direttore dell'Istituto di Storia dell'Arte della Fondazione Cini di Venezia, Luca Beatrice, critico d'arte, Gabriella Belli, direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia, Claudia Dwek, presidente di Sotheby's Italia e vicepresidente di Sotheby's Europa, Gianfranco Maraniello direttore del MART di Rovereto e Andrea Viliani, Direttore del MADRE di Napoli.

L'opera è stata giudicata la migliore con questa motivazione: "All'interno di una ricerca di un nuovo modo pittorico spicca la modalità del processo creativo, nella capacità di utilizzare gli elementi essenziali che compongono il linguaggio con cui è costruito il lavoro".  Paolo Bini ha 32 anni, è nato a Battipaglia (Sa), vive e lavora a Battipaglia e in Sud Africa. La sua opera ha vinto il premio di 25mila euro e la copertina del mensile Arte di dicembre.

A partire da domani e fino al 13 novembre le prestigiose sale di Palazzo Reale ospiteranno la grande mostra con i lavori inediti realizzati quest'anno dai 20 artisti under 40 scelti dalla redazione di 'Arte', la rivista leader di settore in Italia. L'ingresso è gratuito, con i seguenti orari di apertura: giovedì e sabato 09:30 - 22:30, venerdì e domenica 09:30 - 19:30.

Questi i nomi degli artisti di questa edizione: Giulia Andreani, Filippo Armellin, Paolo Bini, 108 (Guido Bisagni), Manuele Cerutti, Marco De Sanctis, Gabriele De Santis, Stefania Fersini, Anna Franceschini, Andrea Kvas, Chiara Lecca, Davide Monaldi, Valerio Nicolai, Pennacchio Argentato, Quayola, Giovanni Sartori Braido, Giorgio Silvestrini, Francesco Surdi, Alice Schivardi e Tindar.

L'allestimento prevede inoltre l'esposizione della Collezione Premio Cairo, ovvero delle opere vincitrici delle edizioni precedenti: Luca Pignatelli (2000), Bernardo Siciliano (2001), Federico Guida (2002), Matteo Bergamasco (2003), Andrea Chiesi (2004), Valentina D'Amaro (2005), Chris Gilmour (2006), Fausto Gilberti (2007), Alice Cattaneo (2008), Pietro Ruffo (2009), Masbedo (2010), Giovanni Ozzola (2011), Loredana Di Lillo (2012), Laura Pugno (2013), Fabio Viale (2014), Alessandro Piangiamore (2015).

A Palazzo Reale saranno anche presenti i lavori dei 40 finalisti del Premio Arte, la manifestazione riservata agli artisti e agli studenti delle accademie e delle scuole d'arte che non hanno esposto in mostre personali di rilievo. Nato nel 1984 con appuntamenti biennali, dal 2000 il Premio Arte diventa annuale in concomitanza con la nascita del Premio Cairo. Negli ultimi 5 anni sono stati circa duemila per edizione i partecipanti al Premio Arte che è diviso in quattro categorie: pittura, scultura, fotografia e grafica/computer grafica.

Nato nel 2000 dalla volontà e dalla passione dell'editore Urbano Cairo per la giovane arte italiana, il Premio Cairo è un importante trampolino di lancio per i nuovi talenti italiani, un'esperienza grazie alla quale si possono consolidare nel mondo dell'arte contemporanea a livello nazionale ed internazionale, come è già avvenuto con i vincitori delle precedenti edizioni.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Madama Butterfly, 14 minuti di applausi al Teatro della Scala

Madama Butterfly, 14 minuti di applausi al Teatro della Scala

Grandi assenti Sergio Mattarella, Pietro Grasso e numerosi ministri

Prima alla Scala con Madama Butterfly tra vip e proteste

Prima alla Scala con Madama Butterfly tra vip e proteste

Manifestazioni in piazza, mentre al teatro sono arrivati volti noti dello spettacolo e della politica

 Caso Cucchi, Carlo Bonini: La verità è evidente da 7 anni

Caso Cucchi, Carlo Bonini: La verità è evidente da 7 anni

Il giornalista ricostruisce il caso del 31enne romano nel libro-inchiesta "Il corpo del reato"

Saviano: Scrivere 'Gomorra' mi ha scassato la vita

Saviano: Scrivere 'Gomorra' mi ha scassato la vita

Lo scrittore a proposito del suo primo libro: "Non è solo un romanzo ma un vero e proprio documento"