Lunedì 09 Luglio 2018 - 11:15

È nata Awe, la nuova agenzia economico-finanziaria di LaPresse

Un ulteriore investimento dell'editore Marco Durante

In un momento di continuo stallo dell'editoria LaPresse continua a investire. Dopo l'annuncio dell'ingresso di Elisa Ambanelli con la carica di Head of Entertainment, in completa controtendenza con il mercato, è nata una nuova agenzia di stampa: AWE (Agency World Economy).

"Nel nostro settore la specializzazione è di fondamentale importanza - dichiara il presidente ed editore di LaPresse Marco Durante - in quest'ottica LaPresse continua con il suo ruolo di agenzia di stampa generalista con i flussi testuali di politica, cronaca, sport e spettacolo, mentre AWE è l'agenzia economico-finanziaria".

La propensione alla creazione di strumenti e servizi sempre più profilati sulla base delle effettive necessità degli interlocutori, gli investimenti continui in risorse umane, tecnologie e infrastrutture, sono alla base della nascita di AWE; la nuova testata giornalistica fa capo al direttore di LaPresse, Vittorio Oreggia.

Vocazione internazionale, capacità imprenditoriale, innovazione tecnologica, flessibilità e propensione all’ascolto, sono i punti di forza di LaPresse, la prima agenzia di stampa italiana multimediale a guida imprenditoriale.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FILES-GERMANY-AUTOMOBILE-OPEL

Dieselgate, si indaga su Opel in Germania

Non si spegne il caso dei motori truccati per falsare i dati sulle emissioni dei diesel, che ha coinvolto Volkswagen

Melfi, gli stabilimenti FCA

Fca, sindacati: "Sciopero su Ronaldo non ha nulla a che fare con lavoro"

I sindacati Fim, Uilm, Fismic e Ugl, in merito allo sciopero indetto dall'Usb per protestare contro l'acquisto del calciatore da parte della Juventus

Editoria, Montan nuovo amministratore delegato e direttore Athesis

Succede all'Ing. Alessandro Zelger alla guida del Gruppo da 25 anni

Tesla, accordo con Shanghai per Gigafactory da 500mila vetture all'anno

Un progetto che rappresenta il più grande investimento industriale estero nella storia della metropoli