Martedì 06 Settembre 2016 - 09:15

Duterte fa dietrofront: dopo insulti a Obama, arrivano le scuse

Già cancellato l'incontro Usa-Filippine previsto per oggi all'Asean

Duterte fa dietrofront: dopo insulti a Obama, arrivano le scuse

Rodrigo Duterte fa marcia indietro. Il presidente filippino si è scusato per aver insultato il presidente Usa, Barack Obama, definito ieri un 'figlio di p...', che ha portato alla cancellazione dell'incontro previsto tra i due in Laos. "Ci dispiace che i commenti siano stati intesi come un attacco personale al presidente degli Stati Uniti", ha dichiarato Duterte in una nota pubblicata al vertice dell'Asean a Vientiane.

LEGGI ANCHE Duterte insulta Obama: annullato incontro Usa-Filippine

Il presidente filippino ha inoltre aggiunto di sentire "profondo apprezzamento e affinità" con Obama e di sperare di riuscire a "limare le tensioni" con gli Stati Uniti che "sono il risultato di nostre priorità nazionali e percezioni nazionali". "La nostra intenzione principale - ha aggiunto - è tracciare una politica estera indipendente mentre promuoviamo legami più stretti con tutte le nazioni, specialmente con gli Stati Uniti".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Istanbul, arrestato il terrorista della strage di Capodanno

Istanbul, l'autore della strage di Capodanno ha confessato durante l'interrogatorio

Abdulgadir Masharipov, 34 anni, è stato fermato alle 23 di ieri. Il governatore della città: Ha agito per conto dell'Isis

Sospese le ricerche dell'aereo Malaysia Airlines MH370 scomparso

Sospese le ricerche dell'aereo Malaysia Airlines MH370 scomparso

Dichiarazione congiunta di Cina, Malesia e Australia

Michael Moore organizza protesta contro l'insediamento di Trump

Michael Moore organizza protesta contro l'insediamento di Trump

Iniziativa del noto regista per giovedì prossimo

Istanbul, arrestato il terrorista della strage di Capodanno

Istanbul, svolta nell'attentato di Capodanno: catturato l'autore della strage

Secondo quanto riporta la Cnn Turk, l'uzbeko Masharipov è stato arrestato insieme al figlio. Nell'attacco morirono 39 persone