Martedì 06 Settembre 2016 - 09:15

Duterte fa dietrofront: dopo insulti a Obama, arrivano le scuse

Già cancellato l'incontro Usa-Filippine previsto per oggi all'Asean

Duterte fa dietrofront: dopo insulti a Obama, arrivano le scuse

Rodrigo Duterte fa marcia indietro. Il presidente filippino si è scusato per aver insultato il presidente Usa, Barack Obama, definito ieri un 'figlio di p...', che ha portato alla cancellazione dell'incontro previsto tra i due in Laos. "Ci dispiace che i commenti siano stati intesi come un attacco personale al presidente degli Stati Uniti", ha dichiarato Duterte in una nota pubblicata al vertice dell'Asean a Vientiane.

LEGGI ANCHE Duterte insulta Obama: annullato incontro Usa-Filippine

Il presidente filippino ha inoltre aggiunto di sentire "profondo apprezzamento e affinità" con Obama e di sperare di riuscire a "limare le tensioni" con gli Stati Uniti che "sono il risultato di nostre priorità nazionali e percezioni nazionali". "La nostra intenzione principale - ha aggiunto - è tracciare una politica estera indipendente mentre promuoviamo legami più stretti con tutte le nazioni, specialmente con gli Stati Uniti".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PinkNews awards dinner

Brexit, May spinge su diritti cittadini Ue. E promette: "Resterete in Gb"

In post su Fb la premier britannica rassicura i comunitari regolarmente residenti nel Regno Unito

Barcellona, manifestazione contro l'indipendenza catalana

Sabato il governo di Madrid si riunirà per sospendere l'autonomia della Catalogna

Scaduto l'ultimatum. Puigdemont non risponde con chiarezza e rilancia: "Indipendenza se verrà attivato l'articolo 155"

Catalogna, cos'è e cosa prevede l'articolo 155 della Costituzione

Tutto quello che c'è da sapere sull''arma' del governo di Madrid

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Brexit, May scrive una lettera ai cittadini Ue: "Potrete restare nel Regno Unito"

Accordo in vista per garantire i diritti di circa 3 milioni di stranieri che vivono nel Paese: "Vogliamo che rimangano"