Martedì 04 Ottobre 2016 - 17:00

Duterte attacca ancora Obama: Può andare all'Inferno, Ue in Purgatorio

Insulti, scuse e nuove critiche da parte del presidente filippino

Duterte attacca ancora Obama: Può andare all'Inferno, Ue in Purgatorio

Ancora parole forti da parte del presidente filippino Duterte nei confronti di Obama. "Puoi andare all'Inferno, mister Obama, mentre l'Unione europea può scegliere il Purgatorio", ha dichiarato Duterte durante una conferenza d'affari a Manila. Il presidente ha ribadito inoltre che gli Stati Uniti dovrebbero sostenere il governo delle Filippine nella sua lotta contro le droghe invece che rimproverare pubblicamente il presidente per aver commesso presunte violazioni di diritti umani.

LEGGI ANCHE Filippine, presidente Duterte insulta Obama: 'Figlio di p...'

Le critiche di Washington sono arrivate per l'elevato numero di vittime nelle operazioni di polizia ed esecuzioni extra-giudiziali, che hanno superato il numero di 3.500 morti dall'inizio della campagna, il 30 giugno, giorno dell'inizio del mandato di Duterte.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Gerusalemme, la famiglia Trump visita il muro del pianto

Trump visita Muro del pianto. Netanyahu: E' 1° presidente Usa

Il tycoon: "Oggi riaffermiamo il legame indissolubile fra gli Stati Uniti e Israele"

Facebook, svelate linee guida per regolare post sessisti e violenti

Facebook, svelate linee guida per regolare post sessisti e violenti

Più di 100 i manuali di formazione interna destinati all'addestramento del gruppo di moderatori del social

Trump: Non permetteremo mai all'Iran di avere arma nucleare

Trump: Non permetteremo mai all'Iran di avere arma nucleare

Teheran "deve fermare il suo mortale finanziamento, addestramento ed equipaggiamento di terroristi e milizie"

Trump in Israele: C'è possibilità di raggiungere pace in Medioriente

Trump in Israele: C'è possibilità di raggiungere pace in Medioriente

Per Netanyahu la visita del presidente Usa sarà "una pietra miliare storica"