Lunedì 28 Agosto 2017 - 18:30

Arriva il primo film di guerra di Nolan: 5 film da (ri)vedere prima di Dunkirk

Forse li conoscete, forse è il tempo di scoprirli. Ecco cinque film di guerra ideali da vedere in questi giorni in cui uno degli eventi cinematografici dell'anno esce in Italia

Dunkirk- Scene del film in uscita

Per il momento ha incassato 400 milioni di dollari in tutto il mondo ed è stato acclamato dalla critica come il capolavoro assoluto di Christopher Nolan. Dunkirk arriverà nelle sale italiane giovedì 31 agosto, un appuntamento che nessun cinefilo vorrà perdere dal momento che il film già promette di fare incetta di Oscar il prossimo febbraio.

Il primo lungometraggio di guerra del regista noto per aver scritto e diretto la trilogia di Batman con Christian Bale e i capolavori della fantascienza Inception e Interstellar è un lavoro originale e unico nel suo genere. L'evento raccontato da Nolan è l'evacuazione di Dunkerque, anche noto come "operazione Dynamo": la fuga in Inghilterra di oltre 1 milione di truppe alleate che nella primavera del 1940 si trovarono circondate dalle unità corazzate tedesche al confine tra Belgio e Francia. La scelta di questo capitolo della seconda guerra mondiale pone già Dunkirk su un piano diverso rispetto alla maggior parte dei film di guerra hollywoodiani: innanzitutto perché non sono in alcun modo coinvolti gli Stati Uniti (che non erano ancora entrati in guerra) e poi perché, pur essendo il racconto di un salvataggio riuscito, non si tratta di una vittoria per gli Alleati. 

Il regista d'altronde ha descritto il suo lavoro come "un film sulla sopravvivenza, più che un film bellico": ogni momento è raccontato dai volti dei suoi personaggi che mostrano la frustrazione, la paura, l'ansia dell'attesa. Si parla poco, ma si soffre molto: è un lavoro in cui i dialoghi vengono sostituiti da emozioni fisiche.

Prepararsi alla visione di Dunkirk non è semplice perché raramente la guerra è stata raccontata sottovoce, ma ecco cinque film che toccano alcune corde comuni al film di Nolan e che hanno degalato una visione nuova e potente delle battaglie

1930 - All Quiet On The Western Front - Moviestills

ALL'OVEST NIENTE DI NUOVO (1930), di Lewis Milestone

Il titolo originale è All Quiet of the Western Front ed è tratto dall'omonimo romanzo di Erich Maria Remarque (in italiano Niente di nuovo sul fronte occidentale) che nel 1929 denunciava le arocità della prima guerra mondiale. Il film, vincitore degli Oscar come miglior film e come miglior regia, è uno di quelli a cui Christopher Nolan ha ammesso di essersi ispirato per il suo Dunkirk. "L'intensità e l'orrore di quel capolavoro non sono mai stati superati. Per me, il film dimostra il potere di resistere alla convenzione di trovare senso e logica nel destino individuale".

 

 

LA BATTAGLIA DI ALGERI (1966), di Gillo Pontecorvo

“È una narrativa della verità senza tempo, che fa nascere un sentimento di empatia verso i suoi personaggi nel modo meno teatrale possibile. Ci importa delle persone che vediamo nel film semplicemente perché ci sentiamo immersi in quella realtà e nelle difficoltà che affrontano", così Christopher Nolan ha descritto la pellicola italiana sulla guerra d'Algeria. Interamente girata ad Algeri, con un cast di attori non professionisti, alcuni dei quali avevano realmente combattuto durante la resistenza, l'opera di Pontecorvo vinse il Leone d'Oro alla ventisettesima edizione della mostra del cinema di Venezia.

 

 

Archival Cinema Stills

SALVATE IL SOLDATO RYAN (1998) di Steven Spielberg

Vincitore di cinque premi Oscar, si tratta di uno dei film più epici sulla seconda guerra mondiale. I primi 24 minuti che dipingono in maniera cruda e realistica lo sbarco in Normandia delle truppe americane sono uno dei momenti più iconici della storia del cinema degli ultimi vent'anni. 

Archival Cinema Stills

LA SOTTILE LINEA ROSSA (1998) di Terrence Malick

Tratto dall'omonimo romanzo dal reduce James Jones, anche questo film (come Dinkirk) vanta le splendide musiche di Hans Zimmer come colonna sonora ed è un film di guerra fatto di attese, riflessioni e ansia tanto che per i primi 40 minuti non viene sparato un colpo. Girato sulle isole di Salomone, in Australia e in California, il film porta sullo schermo la storia della compagnia di fucilieri Charlie di un reparto dell'esercito statunitense che nel 1942 viene mandata alla conquista di un campo d'aviazione giapponese posto in cima a una collina dell'isola Guadalcanal

Brad Pitt

FURY (2014) di David Ayer

Un film di guerra non convenzionale che segue le vicende di un equipaggio di cinque uomini in un carro armato durante i giorni finali della guerra in Germania. Girato in Gran Bretagna per la grande disponibilità di carri armati rimasti dagli ultimi scontri, nel film viene usato il Tiger 131, l'unico Tiger I funzionante dei sette superstiti. Per aumentare il realismo, il regista ha voluto che gli attori principali si sottoponessero a un allenamento in un campo di addestramento gestito dalla Navy SEALs per aumentare la propria massa muscolare e sottostare agli sforzi che avrebbero dovuto subire durante la realizzazione del film

Scritto da 
  • Corinna Spirito
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Premiere di "The Promise" a Los Angeles

Molestie, una fan accusa Stallone ma lui nega: "Storia ridicola e falsa"

La donna ha dichiarato che, nel 1986, l'attore la costrinse ad avere un rapporto sessuale a tre

Molestie, accuse a Sylvester Stallone: fan 16enne costretta a rapporto a tre

La violenza - riporta il Daily Mail - sarebbe avvenuta in un albergo di Las Vegas nel 1986, quando l'attore lavorava ad 'Over the Top'

Kevin Spacey allegations

Molestie, teatro Old Vic Londra: 20 testimonianze contro Kevin Spacey

L'attore ne è stato il direttore artistico dal 2004 al 2015

Accuse a Brizzi, la moglie lo difende: "Per me sono solo voci"

Non la pensa così Asia Argento, che su 'Oggi' dichiara: "Non l'ho mai conosciuto ma sono dalla parte delle vittime. Non si può dubitare di dieci ragazze che raccontano lo stesso modus operandi"