Lunedì 14 Marzo 2016 - 17:00

Duemila migranti sono entrati in Macedonia dalla Grecia

Aggirata la recinzione che divide i due paesi dopo aver attraversato un fiume

Idomeni, migranti tra i campi tentano di attraversare il confine tra Grecia e Macedonia

 Circa 2mila migranti che si trovavano in un campo nel nord della Grecia hanno aggirato la recinzione al confine con la Macedonia entrando in territorio macedone. Lo riferisce un fotografo di Reuters, Stoyan Nenov. I migranti hanno camminato per diverse ore, attraversando un fiume e riuscendo infine ad aggirare la barriera. Già nel primo pomeriggio centinaia di migranti hanno abbandonato il campo di accoglienza di Idomeni per cercare di aggirare la recinzione. 

3 MORTI.  Tre migranti sono annegati nel tentativo di attraversare il fiume  ingrossato dalle forti piogge degli ultimi giorni. Lo rende noto la polizia macedone spiegando che i corpi sono stati ritrovati questa mattina. Si tratta di due uomini e una donna. Le autorità macedoni hanno inoltre aiutato altri 23 migranti che sono stati trasportati in un campo di transito per rifugiati in Macedonia. La loro nazionalità è ancora sconosciuta.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Princess of Asturias Awards 2017 in Oviedo

Catalogna, re Felipe: "È e sarà parte Spagna, secessione inaccettabile"

Un nuovo messaggio del monarca alla vigilia dell'applicazione dell'articolo 155 da parte del governo Rajoy

Afghanistan, ancora un attacco suicida nei pressi di una moschea sciita

Afghanistan, attacchi kamikaze in due moschee: 50 morti

Le diverse esplosioni sono avvenute mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera

Obama in supporto del candidato democratico Northon in Virginia

Usa, il ritorno di Obama in politica. E Bush gli fa eco (contro Trump)

Un passo molto atteso dai sostenitori dell'ex presidente

Corea del Nord, Kim Jong Un presenzia al lancio di un missile Hwasong-12

Nord Corea insiste sul nucleare: "È questione di vita o di morte"

Il direttore generale del dipartimento Nord America del ministero degli Esteri: "Risponderemo al fuoco con il fuoco"