Giovedì 27 Aprile 2017 - 15:15

Draghi: Ripresa eurozona più solida, trend inflazione debole

Il presidente della Bce: Le decisioni sulla politica monetaria non sono basate sui possibili risultati elettorali

Draghi: La ripresa dell'eurozona è più solida ma il trend dell'inflazione è debole

"La ripresa dell'Eurozona diventa sempre più solida. I rischi al ribasso sono ulteriormente diminuiti, ma le pressioni sottostanti all'inflazione restano deboli, e devono ancora mostrare un trend al rialzo convincente". Così Mario Draghi, presidente della Bce, nella conferenza stampa al termine della riunione del consiglio direttivo. Rimane "la necessità di un continuo grado di sistemazione monetaria molto consistente per garantire un ritorno continuo dei tassi di inflazione verso i livelli inferiori, ma vicino al 2% senza ritardi ingiustificati" secondo Draghi. "Al fine di trarre il massimo vantaggio dalle nostre misure di politica monetaria, altre aree politiche devono contribuire molto più decisamente al rafforzamento della crescita economica" ha spiegato Draghi, secondo cui a questo scopo è necessaria "l'attuazione delle riforme strutturali che deve essere sostanzialmente intensificata, per aumentare la resilienza del sistema, ridurre la disoccupazione strutturale e aumentare la produttività e la crescita potenziale della produzione". Per quanto riguarda le politiche fiscali, secondo Draghi "tutti i Paesi dovrebbero intensificare gli sforzi per raggiungere una composizione più amichevole della finanza pubblica". L'attuazione completa e coerente del Patto di stabilità e della procedura di squilibrio macroeconomico "rimane cruciale per migliorare la resilienza dell'economia dell'area dell'euro" per Draghi.

POLITICA MONETARIA NON BASATA SU ELEZIONI. "La Bce non prende decisioni di  politica monetaria sulla base di possibili risultati elettorali" ha detto Draghi a chi gli chiedeva se l'esito delle votazioni Oltralpe e negli altri Paesi europei possa incidere.  "Rimane una fragilità sistema bancario, in alcuni Paesi ci sono degli Npl, che se non ci fossero stati avrebbero portato ad una crescita migliore del credito".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Colombo (Aime): "Con tasse Onu a rischio 41 miliardi export Made in Italy"

Parla il presidente di Aime agroalimentare sulla possibile scelta di Onu e Oms di tassare cibo considerato non sano proveniente dall'Ue

Il salone della tecnologia VivaTech 2018 a Parigi

Google, ecco le 5 maxi-multe antitrust Ue: tutte ai 'big' tech

Tra questi, c'è Qualcomm per 997 milioni di euro: il gigante dei chip sanzionato per aver pagato Apple a usare i propri processori in esclusiva su iPhone e iPad

SYMBOLBILD, Suchmaschinen

Maxi multa per Google dall'Ue: dovrà pagare 4,3 miliardi per Android

Bruxelles intende punire il colosso del web americano per aver abusato della posizione dominante del suo sistema operativo per smartphone

Senato. Commissione Finanze e Tesoro, audizione del Ministro Tria

Tria: "Reddito cittadinanza sarà trasformazione di altri strumenti di welfare"

Il ministro dell'Economia prudente sui tempi di attuazione delle riforme del contratto di governo