Giovedì 21 Luglio 2016 - 16:15

Draghi: Protezione pubblica banche è possibile in casi eccezionali

La Bce mantiene invariati i tassi di interesse, tasso chiave ancora a zero

Draghi: La protezione pubblica delle banche è possibile in casi eccezionali

In condizioni particolari "è possibile avere una struttura di protezione pubblica" per quanto riguarda i crediti deteriorati delle banche. Mario Draghi, presidente della Bce, lancia un paracadute verso gli istituti di credito in sofferenza. "Una struttura di protezione pubblica è una misura che sarebbe utile, ma va concordata con la Commissione europea, in accordo con le attuali regole", ha spiegato il numero uno dell'Eurotower.  Un maggiore di capitale per le banche italiane "è un problema che richiese tempo, come lo richiede ovunque", anche se è importante agire "il più in fretta possibile" e la priorità è avere "un mercato ben funzionante dei crediti deteriorati. Che richiede molte cose. Ma in particolare una cornice legislativa all'interno della quale i crediti deteriorati possano essere scambiati e venduti".

Intanto, il consiglio direttivo della Bce ha deciso di mantenere invariati i tassi di interesse. Il  tasso chiave rimane dunque a zero, mentre il  tasso sui depositi resta allo -0,40% e quello di rifinanziamento marginale allo 0,25%. 

LEGGI ANCHE 'Bce mantiene tassi invariati, tasso chiave ancora a zero'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Camera dei Deputati. Relazione annuale Antitrust

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche

Federchimica assemblea 2017

Confindustria: "Preoccupati, non è chiaro dove siano risorse per promesse elettorali"

E sull'Europa: "Serve sostegno agli investimenti. No a battaglie inutili su decimali di flessibilità"