Giovedì 04 Maggio 2017 - 20:30

Draghi: Crescita bassa in alcuni paesi non dipende dall'Euro

Il presidente Bce ritiene tuttavia essenziale completare il progetto europeo in termini di integrazione

Draghi: Crescita bassa in alcuni paesi non dipende dall'Euro

L'Unione europea "erroneamente" è "a volte considerata la causa della bassa crescita in alcune parti dell'eurozona. Eppure avviamo visto che per i Paesi che hanno attuato riforme strutturali e hanno gestito bene le politiche fiscali, la moneta unica non è stata un ostacolo al successo". Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, parlando alla Fondazione Jean Monnet a Losanna, in Svizzera. "Infatti, coloro che hanno perseguito le politiche giuste hanno potuto trarre vantaggio dall'euro in modo più efficace", ha aggiunto.

Draghi ritiene tuttavia essenziale completare il progetto europeo in termini di integrazione. "In molti casi - ha spiegato - abbiamo lanciato 'case semi costruite', progetti comuni con un incompleto trasferimento di poteri. Questo nuoce alle aspettative sull'Ue solo perché mancano gli strumenti per soddisfarle". Il numero uno della Bce ha richiamato alla "necessità di responsabilità e trasparenza". "Ciò che viene sperimentata - ha detto ancora il presidente della Banca centrale - è tuttavia la nostra capacità di gestire l'integrazione in un modo che non solo fornisca legittimità alle decisioni, ma anche una società europea amata. E questo dovrebbe incoraggiarci ad ascoltare le domande che ci vengono in Europa e a essere ambiziosi nel rispondere".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Salone dell'automobile di Ginevra -  Presentazione nuova Jeep

Chi è Mike Manley, l'uomo del successo di Jeep guiderà Fca

Il manager inglese è il nuovo amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles al posto di Marchionne

Formula 1 GP Monza - sabato pre gara: Marchionne ai box

F1, Ferrari di Marchionne: da arrivo Vettel a lotta con Liberty

In carica dal 2014 ora l'addio alla presidenza alla vigilia del Gran Premio di Germania

Dall'Eni alla presidenza del Milan: chi è Paolo Scaroni

Non solo aziende di Stato: grande tifoso rossonero, è di lunga data anche il suo legame con il mondo del calcio

Salone dell'automobile di Ginevra 2018 - Stand Ferrari

Ferrari, chi è il nuovo amministratore delegato Louis Camilleri

Attuale presidente del board di Philip Morris International, ha 63 anni, conosce quattro lingue e ha un patrimonio stimato in 150 milioni di sterline