Domenica 08 Ottobre 2017 - 15:30

Usa la crema e la pelle nera diventa bianca: spot Dove accusato di razzismo

Non è la prima volta che il marchio viene accusato di 'whitewashing'

"Un'immagine che abbiamo recentemente pubblicato su Facebook ha fallito l'obiettivo di rappresentare le donne di colore. Ci scusiamo profondamente di aver causato delle offese", così la pagina ufficiale Twitter di Dove si scusa con il suo pubblico per una pubblicità destinata a Facebook che ha alzato un polverone in America.

 

Protagoniste sono tre donne, la prima ha la pelle nera, si toglie la maglietta e si trasforma in un'altra donna, con la pelle bianca e i capelli rossi. Nonostante anche lei, a sua volta, faccia per spogliarsi e togliendosi la maglietta riveli una terza giovane, dai tratti asiatici, in molti sul web hanno criticato la scelta iniziale accusando il marchio di razzismo e 'whitewashing'. Sembra proprio, infatti, che dopo aver utilizzato il prodotto Dove, la donna abbia cambiato colore di pelle. 

Dove, per altro, non è nuova a critiche di questo tipo. Già nel 2011 un'immagine promozionale mostrava tre donne, una accanto all'altra, in scala di colore della pelle: dalla più scura alla più chiara. Dietro di loro, la scritta "Prima/Dopo", lasciava intendere che la donna dalla pelle bianca fosse il "risultato" dell'utilizzo del prodotti per l'igiene del marchio.

 

 

 

Nel 2015, invece, Dove era finita al centro di una polemica per aver stampato su una crema solare la dicitura: "per tutte le pelli, da normali a scure". 

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone

Trump parla alla Nazione dopo la sparatoria in Florida

La Cnn contro Trump: "Golf e Twitter durante funerali in Florida"

Il duro editoriale dell'anchorman Anderson Cooper: "Due famiglie hanno seppellito i loro figli. Nessuna menzione nei suoi tweet"

Corea oltre le Olimpiadi, viaggio al confine tra Nord e Sud: "Ripartiamo dalla bandiera unita"

Nella zona demilitarizzata si respira ibisco e tensione, tra chi vorrebbe l'unità e chi ne ha paura

Siria, raid del regime nel Ghouta

Siria, strage civili a Ghouta Est. Ad Afrin entrano filo Assad e Turchia spara

Gli appelli delle organizzazioni internazionali per porre fine alle violenze