Giovedì 06 Aprile 2017 - 09:00

Dopo lo sciopero via ad accordo tra Atm e comune di Milano

Siglato dopo una trattativa di sei ore a Palazzo Marino

Dopo lo sciopero accordo tra Atm, sindacati e comune di Milano

Dopo lo sciopero del trasporto pubblico in uno dei giorni del Salone del Mobile è arrivata la tregua. Comune di Milano, l'azienda partecipata Atm e sindacati hanno raggiunto un accordo. Al tavolo della trattativa, durato sei ore a Palazzo Marino, hanno partecipato gli assessori al Lavoro e Mobilità, Cristina Tajani e Marco Granelli, e il sindaco Giuseppe Sala. L'accordo prevede la riunificazione dei servizi della mobilità come richiesto dai sindacati. "Nel documento il Comune indica la modalità del lotto unico di gara come via preferita per l'assegnazione del servizio in caso di gara - spiega in una nota Luca Stanzione, segretario generale della Filt Cgil di Milano -. L'accordo prevede anche la garanzia dell'occupazione di tutti i dipendenti Atm e degli attuali livelli retributivi della contrattazione di primo e secondo livello. Il Comune di Milano per quanto di sua competenza procederà ai conseguenti atti normativi". È stato inoltre istituito un tavolo permanente sul futuro del trasporto pubblico locale. "Un ottimo risultato - commenta Stanzione -, frutto della mobilitazione dei dipendenti Atm e della disponibilità del Comune di Milano".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Brescia, 12enne scomparsa: angoscia a Serle, in campo anche droni

Iushra si trovava in gita nell'altopiano Cariadeghe, da giovedì nessuna traccia. Il maltempo rende tutto più complicato. La procura ha aperto un fascicolo

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito