Venerdì 06 Gennaio 2017 - 08:00

Trump minaccia anche Toyota: Dazi se fabbrica in Messico

La casa automobilistica ha in programma un nuovo stabilimento per costruire la Corolla

Dopo General Motors Trump minaccia Toyota: Dazi se fabbrica in Messico

Continua la guerra protezionistica del presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, per favore le produzioni made in Usa. "Toyota Motor ha detto che costruirà una nuova fabbrica a Baja, in Messico, per costruire le auto Corolla per gli Usa. Non se ne parla! Costruisca la fabbrica negli Stati Uniti oppure paghi pesanti tasse doganali", ha tuonato su Twitter il tycoon. Una minaccia che fa seguito a quella contro General Motors, 'colpevole' di produrre il modello Chevy Cruz in Messico. "Fatelo in Usa - aveva scritto sempre su Twitter Trump - oppure pagate una consistente tassa". Una minaccia considerata tanto reale al punto che Ford ha cancellato un investimento da 1,600 miliardi di dollari destinati a una località messicana, San Luis de Potosí, dove aveva previsto di costruire un nuovo stabilimento per l'assembleaggio dei veicoli. La casa automobilistica aveva precisato che la decisione prescindeva da un accordo col futuro presidente, ma il tempismo è stato quantomeno sospetto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Thailandia, italiano ucciso e smembrato: si cerca la ex moglie

Il 61enne trovato nei cespugli vicino a un bacino d'acqua. I sospettati sono la donna e il suo fidanzato francese e il movente potrebbe essere passionale

Catalogna, Puigdemont è a Copenaghen: rischia l'arresto

La procura spagnola chiede mandato arresto Ue per l'ex governatore

Germania, Spd in congresso straordinario a Bonn

Germania, da Spd sì a coalizione con Merkel. Schulz: "Abbiamo lottato per maggioranza"

Luce verde ai negoziati formali per formare una Grosse Koalition con i conservatori: 362 favorevoli e 279 contrari

Iraq, ondata di autobombe a Baghdad

Cittadina tedesca affiliata all'Isis condannata a morte in Iraq

È la prima volta che il Paese emette una sentenza di questo tipo nei confronti di una donna europea